È sua anche la Coppa del Mondo 2018. La campionessa paralimpica Bebe Vio ha portato a casa un altro grande successo: a Tiblisi, in Georgia, ha vinto la gara individuale di fioretto (categoria B) battendo la russa Irina Mishurova per 15-5. Un grande successo, che le vale la certezza aritmetica della conquista della Coppa del Mondo 2018 di specialità. Bebe Vio è inarrestabile: questa è infatti per lei la quarta vittoria consecutiva dal 2015 ad oggi, a cui si aggiungono le medaglie d’oro di mondiali, europei e paraolimpiadi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

▶️ #Tiblisi Coppa del Mondo Paralimpica BEBE VIO TRIONFA NEL FIORETTO CAT. B ❤️???? @bebe_vio FOTO BIZZI

Un post condiviso da Federscherma (@federscherma) in data:

La giovane campionessa si è detta “molto felice” ma ha ancora la gara a squadre e vuole “dare tutto domenica”. Domenica  infatti, l’azzurra sarà nuovamente protagonista in pedana nella gara a squadre assieme a Loredana Trigilia ed Andrea Mogos. La gara di Coppa del mondo di Tbilisi è la prima per la qualificazione a Tokyo 2020, a meno di due anni dai giochi paraolimpici che sono l’obiettivo principale di Bebe Vio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Champions, Mourinho: “Il mio gesto offensivo? E quello che loro fanno con me? Ora Juve sa che può perdere con noi”

prev
Articolo Successivo

Rugby, Italia-Georgia 28-17, respinti i ‘barbari’. Gli azzurri sono salvi, per ora

next