“Ora si capisce da che parte sta la Lega”. Alessandro Di Battista dice la sua sull’argomento che continua a contrapporre i due partiti di governo ormai da giorni: la prescrizione. Bloccarla dopo il primo grado di giudizio e varare la riforma con l’approvazione del ddl Anticorruzione: questa è la posizione del Movimento 5 stelle. Ma il Carroccio si mette di traverso parlando di “dubbi” e del rischio di “processi eterni”. E l’ex deputato parlando dal Nicaragua in diretta Facebook per Loft dice: “Si capirà a breve se la Lega sta pensando un minimo al Paese o l’unico paese a cui pensa sia Arcore, ma non solo…Berlusconi è acqua passata. Bisogna capire portando avanti con durezza queste battaglie“. Immediata la risposta di Matteo Salvini: “La fiducia al dl sicurezza l’hanno votata i 5 Stelle e non Forza Italia“.

“So che il M5s sull’anticorruzione deve essere molto molto duro, si deve andare avanti“, dice Di Battista nella diretta al fianco della compagna Sahra. “Per me la prescrizione dovrebbe essere sospesa quando c’è il rinvio a giudizio e non dopo il primo grado perché quest’istituto ha favorito solo i ladri in questo Paese”, continua. Poi le parole sui partner di governo del ‘suo’ M5s: “Ora si capisce da che parte sta la Lega. Si sapeva che il reddito di cittadinanza e la riforma della Fornero li avrebbero accettati, ma la battaglia si vede sulla giustizia”, sostiene Di Battista.  “Mi chiedete di tornare, presto torniamo, tornerò molto presto, poi vedremo che faremo. Per adesso facciamo documentari”, afferma dal Nicaragua.

“Di Battista? Lo invidio profondamente perché si sta godendo la vita con la moglie e il figlio”, risponde Salvini che poi cita il voto odierno del Senato al maxiemendamento su cui è stata messa la fiducia. “Di Battista sta lontano, c’è il fuso orario – continua Salvini – Con M5s e non con Forza Italia abbiamo preso un impegno con il contratto di governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prescrizione, Molinari (Lega): “Per provvedimento così importante serve riforma della procedura penale”

next
Articolo Successivo

Dl emergenze, non solo Ischia: sanatoria su centro Italia. M5s: “Non è premio abusi”. E il governatore Pd plaude

next