“La segnalazione ai probiviri? Trovo tutto singolare, un’espulsione sarebbe masochistica per il M5s“. Così il senatore Gregorio De Falco, dopo che con una nota del capogruppo pentastellato Stefano Patuanelli è stata resa nota l’apertura dell’istruttoria nei confronti dello stesso De Falco e dei colleghi Fattori, Nugnes, Mantero e La Mura (gli ultimi due assenti al momento del voto, mentre i primi – come Gregorio De Falco – usciti dall’Aula e intervenuti in dissenso dal gruppo, ndr). “Ho spiegato di voler mantenere la fiducia al governo. Dell’avvio dell’istruttoria l’ho saputo dalla stampa, ma io ho fatto di tutto affinché il M5s non avesse danni”. Le fa eco la collega Elena Fattori: “Se i probiviri prenderanno una decisione non consona, farò ricorso, ma al momento è troppo presto. Forse è atto dovuto, per l’obbligo di dare la fiducia a un governo con un presidente del Consiglio espressione dei 5S. Ma qui è diverso”, ha aggiunto Fattori. Rivendicando di voler “restare 5s”, ma di non voler accettare “ordini di scuderia”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, dallo stop al permesso umanitario al taglio degli Sprar: cosa prevede il testo approvato al Senato

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, Molinari (Lega): “Per provvedimento così importante serve riforma della procedura penale”

next