Tanto tuonò che piovve. L’Autorità garante per la concorrenza e il mercato, nei giorni scorsi, ha messo nero su bianco una realtà sotto gli occhi di tutti da decenni: la Siae (Società italiana autori e editori) ha violato – almeno dal 2012 – le regole del mercato abusando della propria posizione dominante, limitando la libertà di scelta degli autori ed editori di mezzo mondo e quella di concorrenti e potenziali tali di operare liberamente sul mercato italiano.

La sanzione simbolica inflitta dall’Autorità alla Siae rischia di far perdere di vista il cuore della decisione: Siae ha due mesi di tempo per cambiare completamente registro, abbandonare una serie di vecchie e cattive abitudini, lasciare liberi i propri autori ed editori di scegliere, per davvero, a chi affidare l’intermediazione dei propri diritti anche relativamente a singole opere o tipi di utilizzazione e i propri concorrenti – presenti e futuri – di operare su quello che ha sin qui raccontato essere il suo mercato.

Una società nata per promuovere e difendere i diritti e gli interessi di autori ed editori che secondo l’Antitrust ha reiteratamente e sistematicamente agito, per anni, tra l’altro, proprio in danno di questi ultimi impedendo loro di essere liberi per davvero di scegliere, caso per caso, se affidarsi ai suoi servizi o a quelli di altri soggetti è, di per sé, un fatto grave. Ma se a rendersi protagonista di una violazione delle regole del mercato tanto grave è, addirittura, un ente pubblico economico sottoposto a controllo e vigilanza del governo, il fatto è, evidentemente, ancora più grave perché significa che chi avrebbe potuto e dovuto garantire agli autori, agli editori e al mercato diritti e libertà non è riuscito a farlo o, peggio ancora, ha preferito non farlo lasciando Siae agire indisturbata nel proprio egoistico interesse benché contrario all’interesse dei più.

E sul punto è necessario essere chiarissimi ed evitare ogni ambiguità e reticenza: il ministero dei Beni e delle attività culturali e il dipartimento per l’Editoria hanno, purtroppo, sulla Siae – a disciplina vigente – modestissime leve di vigilanza e controllo ma, per quanto deboli, sufficienti comunque, almeno, a consentir loro di acquisire informazioni e orientare il governo nell’assunzione delle decisioni migliori nell’interesse degli autori ed editori e non della Siae.

È, invece, fuor di dubbio che in questa brutta storia italiana, sin qui, non è andata così.

Il governo, infatti, al giro precedente, quando il ministero dei Beni e delle attività culturali era guidato da Dario Franceschini, ha scelto deliberatamente di stare dalla parte di Siae, di sostenere il suo monopolio anche quando l’Autorità garante per la concorrenza e per il mercato, a più riprese, lo ha invitato ad aprire il mercato, a ridimensionare il ruolo dell’ormai ex monopolista e a consegnare nella mani di autori ed editori quella libertà che il buon senso e la civiltà giuridica prima e le regole europee dopo loro riconoscono e garantiscono.

E quando un “giudice” si ritrova costretto a prendere atto che a violare le regole del gioco è stato non un qualsiasi operatore di mercato ma addirittura un pezzo del para-Stato, che agisce sotto il controllo dello Stato e al quale lo Stato per decenni ha affidato compiti straordinariamente delicati per il Paese, non ci sono né vincitori, né vinti, è un giorno che deve essere considerato egualmente triste per tutti, perché tutti siamo allo stesso modo sconfitti che si sia fatto il tifo per la liberalizzazione del mercato o per il monopolio della Siae.

Ma ciò che è stato è stato. Inutile, oggi, recriminare sul passato. È, invece, il momento di guardare al futuro. E ora più che mai è urgente che governo e Parlamento facciano la loro parte, diano un segnale forte della ferma volontà di cambiare verso, passo e approccio.

Va salutata con favore la decisione di Sergio Battelli (M5s), presidente della Commissione politiche europee a Montecitorio di presentare un disegno di legge di radicale riorganizzazione del mercato dell’intermediazione dei diritti d’autore e di profondo ripensamento del ruolo della Siae nel nostro Paese ma, a un tempo, è necessario agire con più urgenza seguendo le preziose indicazioni dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato: aprire definitivamente il mercato alla concorrenza anche delle società europee che fanno dell’intermediazione dei diritti d’autore il loro business e, soprattutto – ed è forse la cosa che conta di più – mettere nero su bianco che perché autori ed editori siano, per davvero, liberi di scegliere a chi affidare la gestione dei propri diritti è necessario che la Siae si astenga dal continuare a fare ciò che ha fatto sin qui: bussare alla porta di piccoli e grandi utilizzatori e pretendere di concedere licenze e incassare compensi anche nell’interesse di chi ha scelto di non avere niente a che fare con la sua organizzazione, con le sue regole, con la sua attività.

Bene, dunque, hanno fatto il ministro dei Beni e delle attività culturali Alberto Bonisoli e il sottosegretario all’Editoria Vito Crimi, all’indomani del loro insediamento, ad annunciare l’intenzione di superare definitivamente il monopolio Siae. Ora è il momento di dare concretezza a quei propositi. Il mercato non può attendere, purtroppo, i tempi di un disegno di legge e non può restare esposto alle incertezze create ad arte dall’ex monopolista e sulle quali oggi, finalmente, l’Autorità antitrust ha acceso i riflettori.

Il rischio è che i soliti furbetti approfittino della situazione in danno, innanzitutto, di autori ed editori: gli utilizzatori smettendo di pagare quanto dovuto in attesa di nuove regole e la Siae continuando a utilizzare il suo strapotere di mercato per dettare legge, sostituendosi ad Autorità e decisori pubblici. Un monopolio lungo oltre un secolo può bastare. Ora è tempo di mercato, aperto, libero, trasparente, regolato e, naturalmente, vigilato come l’Autorità garante per le comunicazioni può fare e ha – ancora timidamente – iniziato a fare. Poi vinca il migliore chiunque esso sia ma, soprattutto, trionfino gli autori e gli editori riappropriandosi, finalmente, della libertà di scrivere il proprio futuro.

Nota di trasparenza

Racconto dell’esigenza di garantire la libertà di scelta a autori ed editori sin da tempi non sospetti ma, nello specifico, ho assistito Soundreef dinanzi all’Autorità antitrust e sono il presidente di Lea, l’unica concorrente della Siae. Sono, quindi, parte in causa. Prima di formarvi qualsiasi idea, leggete in giro voci diverse.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Radio e tv battono i social. La sfida dei media al tempo delle fake news

prev
Articolo Successivo

Orson Welles, 80 anni fa la Terra fu invasa dagli alieni. Tutta colpa di un cambio di codice

next