“L’odio non è un fatto di questi giorni: dopo la fine della Seconda Guerra mondiale, i vinti per anni tennero per sé certi discorsi ma la storia è terribile, rende tutti dei vinti: e certi discorsi tenuti nascosti riemergono, il tempo passa, i testimoni muoiono, e ritornano alla luce i sentimenti più osceni”. Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre, testimone della Shoah, spiegando in una conferenza stampa a palazzo Madama la necessità dell’approvazione del ddl sulla Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo e antisemitismo, di cui è prima firmataria. Segre si è riferita anche al web come “veicolo d’odio estremamente pericoloso” e al linguaggio in generale sempre più violento: “Bisogna contrastare -ha ammonito- la fascistizzazione del senso comune che sta appena una tacca sopra l’indifferenza che 80 anni fa” con il varo delle leggi razziali “coprì di vergogna l’Italia fascista”. Insieme a Segre nella sala Caduti di Nassirya anche la collega senatrice a vita Elena Cattaneo, Loredana De Petris (Leu), Milena Santerini, e Emma Bonino. La senatrice di +Europa ha messo in guardia: “E’ vero che la storia non si ripete in forme uguali -ha affermato- ma oggi assistiamo nel linguaggio a tabù che vengono sdoganati da alcune istituzioni del nostro Paese. Le manette non le mette il ministro dell’Interno, ma la magistratura… E sento parlare di limitare i poteri del Presidente della Repubblica. Mi preoccupo e penso che si stanno mettendo in discussione le basi elementari della democrazia liberale come l’abbiamo conosciuta fino a oggi”. L’ex ministro degli Esteri ha notato che mancano le firme di senatori di diversi altri gruppi, di maggioranza e opposizione. “Vorrà dire che faremo un giro ulteriore per chi era distratto, magari farà mente locale…”, ha detto

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte a Mosca da Putin e imprenditori: “Le sanzioni non possono essere un fine”

next
Articolo Successivo

Manovra, Di Maio: “2,4% non cambierà, siamo uno Stato sovrano”. Conte: “Se spread resta alto è un problema”

next