“Pensare alla vendita dei beni confiscati ai privati è un po’ come ritenere che debba cambiare completamente la valutazione dei beni stessi, che devono invece essere il simbolo della vittoria dello Stato sulle Mafie”. A rivendicarlo è il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, in merito alla possibilità presente nel decreto Sicurezza (a breve in calendario dell’Aula del Senato, ndr), già contestata da diverse associazioni antimafia. “Credo sia necessario dare forza all’Agenzia per i Beni sequestrati e confiscati, affinché fin da subito possa prenderli in cura, seguirne l’evoluzione e devolverli alla società. I beni confiscati possono servire per rilanciare l’economia anche tra le sfere sociali più deboli”, ha sottolineato De Raho. In merito alla nuova disciplina sul voto di scambio, approvata in Senato, ma contestata da sinistre e Libera che la considerano “un’occasione sprecata” (per il rischio di profili di incostituzionalità e per la difficoltà di dimostrare che chi accetta la promessa abbia la consapevolezza di trattare con un condannato per 416 bis, ndr) De Raho ha invece spiegato: “La disposizione sul voto di scambio ha avuto modifiche, innovazioni ed è stata stravolta. Non sempre ha dato risposta alle aspettative. Ci sono stati inserimenti che ne hanno resa difficile l’applicazione”. E ancora, rispetto al nuovo tentativo: Bisognerà vedere l’interpretazione e l’applicazione che verrà fatta da parte dei giudici per dare meglio risposta nel contrastare il fenomeno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, sparò a un rapinatore entrato in casa: assolto per legittima difesa

next
Articolo Successivo

Cuneo, la procura chiede il rinvio a giudizio per la madre di Renzi: è accusata di concorso in bancarotta

next