Amazon Echo sbarca ufficialmente in Italia e promette di integrarsi perfettamente nel vostro arredamento di casa, grazie al rivestimento in tre differenti tessuti, di colore grigio chiaro, melange e antracite. Le consegne cominceranno il 30 ottobre e il prezzo è stato fissato a 99,99 euro, ma se volete approfittarne c’è un’offerta di lancio a 59,99 euro. Potete prenotarlo direttamente su Amazon.

A che cosa serve Amazon Echo? A liberarvi dei problemi della tecnologia, a rendere l’uso dei vostri gadget hi-tech più semplice e immediato. Pensate di arrivare a casa con Echo nella versione Plus, collocarlo nella posizione che più vi piace, poi dirgli “Alexa, trova i miei dispositivi”. Echo troverà e configurerà automaticamente tutti i dispositivi che sono compatibili con lui, senza bisogno di smanettare con impostazioni e parametri che non conoscete.

 

Amazon Echo

 

Non solo: potrete ascoltare il sommario delle notizie del giorno da Sky TG24, Ansa Videogiornale, RTL 102.5, Video Giornale Orario e altri, farvi un’idea dei trailer cinematografici con la Skill di MyMovies, riprodurre musica dalle app più diffuse come per esempio Spotify e Deezer, o dalla radio (RTL 102.5, Radio Deejay, Radio 105, Rai Radio Uno, RDS, eccetera). Alexa è capace di riprodurre playlist, brani precisi o di determinati cantanti, basta parlare: “Alexa riproduci playlist”, “Alexa riproduci brano o autore”, ovviamente al volume che desiderate: “Alexa abbassa o alza il volume”.

Alcune funzioni e caratteristiche dipendono dal modello che scegliete: il prodotto di punta della nuova gamma è Amazon Echo, è dotato di comando vocale a lungo raggio per permettervi di interagire con l’assistente vocale Alexa da qualunque punto della stanza. Non importa se dovrete interpellare Alexa mentre il gatto miagola o i bambini vedono la TV, perché questo accessorio è dotato di sette microfoni con una tecnologia, chiamata “beamforming”, che isola il rumore e recepisce solo il comando. Echo sta perennemente in ascolto, non appena pronuncerete la parola “Alexa” si metterà all’opera.

Amazon Echo Plus

La versione più lussuosa è Echo Plus, che in Italia costa 149,99 euro (però è in offerta a 89,99 euro). Dovreste valutarlo al posto di Echo nella versione base se desiderate una migliore qualità audio, perché ha in dotazione un woofer più potente. In più integra un sensore di temperatura e un hub, chiamato Zigbee, che semplifica la configurazione degli altri dispositivi di domotica. Zigbee, per la cronaca, è lo strumento che permette di configurare in automatico tutti i dispositivi compatibili. In altre parole, se siete orientati a trasformare il vostro appartamento in una casa domotica, Echo Plus è quello che fa per voi.

Ci sono poi le versioni Echo Dot, Spot, Sub e Smart Plug. Echo Dot è una versione più piccola di Echo ma con le stesse funzioni: è indicato per chi ha poco spazio o intende appoggiarlo su una superficie ristretta. Costa 59,99 euro di listino, il prezzo di lancio è di 35,99 euro. È anche un’idea regalo, o una soluzione per vedere se Echo vi piace, prima di fare investimenti più sostanziosi.

Amazon Echo Dot

 

Echo Sport ha un design giovanile e uno schermo circolare che visualizza notizie, previsioni meteo e altro. Va bene anche come sveglia, come timer per la cucina e per fare telefonate in vivavoce. Il prezzo di listino è di 129,99 euro, il prezzo promozionale è di 77,99 euro.

Echo Sub e Amazon Smart Plug sono ampliamenti dei prodotti visti sopra, accessori che potenziano la resa audio (nel primo caso) o ampliano le possibilità d’uso. Smart Plug infatti è una presa elettrica che trasforma un elettrodomestico tradizionale in uno collegato alla rete Wi-Fi di casa. Costano rispettivamente 129,99 euro e 29,99 euro.

Amazon Smart Plug

Chi è interessato ad acquistare un prodotto Amazon Echo sappia che ha già incassato il supporto di Vodafone e TIM per alcuni servizi. Alexa sarà in grado di dialogare con TOBi, l’assistente digitale Vodafone, per fornire informazioni come SMS, chiamate, traffico dati e credito residuo. Chi ha TIM, tramite Alexa potrà sapere quali sono i servizi attivi, attivarne di nuovi e agganciare ad Amazon Echo i dispositivi intelligenti dell’operatore telefonico.

Amazon con l’introduzione dei nuovi prodotti si propone come concorrente di prima linea rispetto alle soluzioni Google Home, che potete già trovare nelle grandi catene di elettronica. In entrambi i casi il proposito è aiutare gli utenti, anche i meno esperti, a interagire con la tecnologia in modo naturale e semplice. Il progetto di Amazon è di più ampia visione, dato che abbraccia la domotica nel suo complesso, spingendo l’adozione di soluzioni smart per lampadine, elettrodomestici e moltissimi accessori per la casa. Insomma, Echo potrebbe essere il primo tassello di una trasformazione della vostra abitazione, da casa tradizionale a casa 2.0, grazie all’Internet of Things (cioè l’Internet degli oggetti).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Avete cancellato un’app dallo smartphone? Non ve ne siete liberati, può ancora tracciarvi!

prev
Articolo Successivo

Apple e Samsung multate dall’Antitrust per “obsolescenza programmata” su iPhone 6 e Note 4. Decisione storica

next