Dura due ore l’incontro tra i senatori “ortodossi” del M5S De Falco, Nugnes e Morra e gli emissari di Luigi Di Maio, Cristina Belotti, portavoce del vicepresidente del Consiglio e leader pentastellato, accompagnato da Dario De Falco, capo segretaria di Palazzo Chigi e braccio destro dello stesso Di Maio. Oggetto dell’incontro gli emendamenti 5 stelle al decreto Sicurezza firmato dal leader della Lega, Matteo Salvini. “Alcuni emendamenti per me sono irrinunciabili” Queste le parole di Gregorio De Falco prima dell’incontro, avvenuto in un bar proprio a metà strada tra il senato e Palazzo Chigi. E la Nugnes rincara la dose:: “Non siamo mica al mercato delle vacche” escludendo così la possibilità che il nuovo accordo sul dl Fisco possa azzerare le richieste di modifica dei senatori M5s al decreto Sicurezza.

Nicola Morra lascia il tavolo in anticipo, dicendosi ancora fiducioso per una mediazione tra gli 81 emendamenti a firma M5s e la richiesta di Matteo Salvini che invece vorrebbe una rapida approvazione del decreto Sicurezza. De Falco e la Nugnes invece, al termine dell’incontro con gli emissari di Luigi Di Maio, restano sulle loro posizioni: “Senza modifiche il decreto non lo votiamo“. Di Maio? “Lo incontreremo” aggiunge e conclude De Falco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casapound, rinviata ispezione della Gdf a Roma: “Stretta sugli sgomberi dal Viminale? In 15 anni ne abbiamo sentite tante”

next
Articolo Successivo

Sicurezza, a Torino M5s e Pd votano insieme per chiedere la sospensione del decreto Salvini sui migranti

next