Dura due ore l’incontro tra i senatori “ortodossi” del M5S De Falco, Nugnes e Morra e gli emissari di Luigi Di Maio, Cristina Belotti, portavoce del vicepresidente del Consiglio e leader pentastellato, accompagnato da Dario De Falco, capo segretaria di Palazzo Chigi e braccio destro dello stesso Di Maio. Oggetto dell’incontro gli emendamenti 5 stelle al decreto Sicurezza firmato dal leader della Lega, Matteo Salvini. “Alcuni emendamenti per me sono irrinunciabili” Queste le parole di Gregorio De Falco prima dell’incontro, avvenuto in un bar proprio a metà strada tra il senato e Palazzo Chigi. E la Nugnes rincara la dose:: “Non siamo mica al mercato delle vacche” escludendo così la possibilità che il nuovo accordo sul dl Fisco possa azzerare le richieste di modifica dei senatori M5s al decreto Sicurezza.

Nicola Morra lascia il tavolo in anticipo, dicendosi ancora fiducioso per una mediazione tra gli 81 emendamenti a firma M5s e la richiesta di Matteo Salvini che invece vorrebbe una rapida approvazione del decreto Sicurezza. De Falco e la Nugnes invece, al termine dell’incontro con gli emissari di Luigi Di Maio, restano sulle loro posizioni: “Senza modifiche il decreto non lo votiamo“. Di Maio? “Lo incontreremo” aggiunge e conclude De Falco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casapound, rinviata ispezione della Gdf a Roma: “Stretta sugli sgomberi dal Viminale? In 15 anni ne abbiamo sentite tante”

prev
Articolo Successivo

Sicurezza, a Torino M5s e Pd votano insieme per chiedere la sospensione del decreto Salvini sui migranti

next