Niente più inglesismi a Montecitorio. È la singolare battaglia contro le parole straniere del vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli, di Fratelli d’Italia. “Approfitto, visto che siamo nel Parlamento italiano e non nella Camera dei Lords, per correggere il testo degli uffici letto poco fa – ha detto Rampelli dal suo scranno – e sostituire la parola ‘performance’ in ‘prestazioni'”.
Successivamente alcuni consiglieri parlamentari – riferisce lo staff di Rampelli – gli hanno spiegato che quelli erano i termini usati dall’Inps e che non si possono alterare. “Gli ho risposto che devono alterare tutto ciò che arriva in Parlamento con parole straniere – ha scandito – e che non voglio più vedere vocaboli inglesi tra le carte della presidenza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Leopolda, la domanda del giornalista fa arrabbiare Renzi: “Questa non è la sede del Pd, surreale si parli sempre di noi”

next
Articolo Successivo

La videodenuncia di Salvini: “Un nuovo sconfinamento della polizia francese, è atto ostile”. Le immagini a Claviere

next