Hanno occupato i binari e bloccato i treni per diverse ore. Tensione alla Stazione Centrale di Napoli a causa della protesta dei familiari dei tre napoletani scomparsi in Messico da gennaio e dei quali non si hanno più notizie da oltre otto mesi e mezzo. “Aiutateci perché non ne possiamo più – dicono i famigliari – i responsabili dei rapimenti sono stati individuati ma le istituzioni italiane non fanno pressione per farsi dire che fine hanno fatto i nostri parenti”. Alla fine i reparti mobili della polizia hanno prelevato di peso le donne e le ragazze delle famiglie Russo e Cimmino che si erano stese sui binari della Stazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, il commovente addio di uno sfollato: “Con questo video vi saluto, lascio casa”

next
Articolo Successivo

Razzismo, a Sondrio calci e pugni contro un giovane senegalese. A Trento migrante insultato sul bus: “Vai via, sei di colore”

next