Pochi secondi di video girati nell’appartamento prima di andarsene. Un filmato commovente che risale allo scorso mese di agosto, realizzato da uno sfollato di via Fillak pochi istanti prima di lasciare l’appartamento: “Con questo video vi saluto, lascio la casa”.

La stessa cosa sta accadendo anche in queste ore, con i residenti che sono stati autorizzati ad entrare nelle proprie abitazioni per due ore, nel tentativo di recuperare i ricordi, gli oggetti abbandonati l’indomani del crollo del Ponte Morandi

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morandi, sfollati entrano nelle case per recuperare i loro beni: “Due ore sono poche per i ricordi di una vita”

next
Articolo Successivo

Napoli, familiari dei tre rapiti in Messico occupano la stazione centrale. Tensione con le forze dell’ordine

next