Partiti in cerca di un lavoro. Gli emigranti esistono anche in Italia. Vanno verso il nord del Paese, verso l’Europa, verso l’America. Lasciano la famiglia come a inizio Novecento, con una ideale “valigia di cartone”. Ecco alcune delle loro storie raccontate a valigiadicartone.ilfatto@gmail.com

Sicilia 2012: avevo una piccola attività, dei dipendenti e davo lavoro a un paio di famiglie. La crisi mi ha trasformato in un reietto, costretto a chiudere e a licenziare, non senza dolore, i miei collaboratori. Una terra in cui un quarantenne, lavorativamente finito pur avendo dimostrato per anni, rischiando, di contribuire a creare reddito, è solo da definire incivile. Sono stato cinque anni in Germania e mi sono sentito, da subito, parte di un sistema che funziona. Sicuro come non mai in una terra che non è la mia. O meglio, una terra che non era la mia!
Veneto 2017: ritorno in Italia grazie ad una multinazionale tedesca. Grazie…”Italia”.

Giovanni Salonia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“New York mi ha dato tutto, sono quasi un americano doc. Eppure torno in Italia”

next
Articolo Successivo

“Gli Usa mi hanno dato tanto, ma non la felicità. E nell’era della mobilità globale la vera sfida è tornare a casa”

next