Almeno sette migranti, tre uomini e quattro donne, una con un bambino in braccio, sono stati fatti scendere dal treno Iglesias-Cagliari da una capotreno che li ha sorpresi senza biglietto. La scena, avvenuta sabato 13 ottobre, è stata ripresa con uno smartphone da un altro passeggero e postata su Facebook. Il video è diventato virale quanto è stato rilanciato anche dal vicepremier Matteo Salvini.
“Questo non lo vedrete nei Tg, facciamo girare! Onore a questa capotreno che, in Sardegna, fa scendere un gruppo di scrocconi – scrive sulla sua pagina Fb – Il clima è cambiato, #tolleranzazero con i furbetti, anche con un uso massiccio delle Forze dell’ordine. Se vuoi viaggiare, Paghi come tutti i cittadini perbene!”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, quando la periferia diventa una scelta: “Qui c’è vita”. E sui negozi etnici: “Luci, presidio di sicurezza”

next
Articolo Successivo

Milano, aperta inchiesta sul rogo nel capannone di stoccaggio rifiuti: ipotesi di dolo. Un altro incendio a Novate

next