È stata giornata tesa sui mercati, ma le Borse europee chiudono in rialzo e Milano riprende fiato chiudendo in rialzo dell’1,06% a valle di una giornata contrastata e una settimana di passione. Seduta mozzafiato, poi, per i titoli di Stato e, quindi, per lo spread: dopo una partenza in sordina in scia all’audizione del ministro dell’Economia Giovanni Tria, c’è stato uno scatto in avanti che ha portato il differenziale tra Btp e Bund a dieci anni a galoppare oltre quota 315 punti con i titoli italiani che sono arrivati a pagare il 3,69% che non si vedeva dal 2013.  Nel pomeriggio, poi, il rimbalzo e il dietrofront che ha spento la fiammata portando il differenziale a chiudere in calo a 292 punti dai 303 di lunedì e il rendimento è sceso al 3,47 per cento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, Antitrust: “Giusto escludere Autostrade”. Bucci: “Rifarlo entro il 2019? Partire a dicembre”

next
Articolo Successivo

Spread stabile sotto i 300. Volano gli interessi dei Bot a un anno: +51 punti su settembre, ai massimi da 5 anni

next