È stata giornata tesa sui mercati, ma le Borse europee chiudono in rialzo e Milano riprende fiato chiudendo in rialzo dell’1,06% a valle di una giornata contrastata e una settimana di passione. Seduta mozzafiato, poi, per i titoli di Stato e, quindi, per lo spread: dopo una partenza in sordina in scia all’audizione del ministro dell’Economia Giovanni Tria, c’è stato uno scatto in avanti che ha portato il differenziale tra Btp e Bund a dieci anni a galoppare oltre quota 315 punti con i titoli italiani che sono arrivati a pagare il 3,69% che non si vedeva dal 2013.  Nel pomeriggio, poi, il rimbalzo e il dietrofront che ha spento la fiammata portando il differenziale a chiudere in calo a 292 punti dai 303 di lunedì e il rendimento è sceso al 3,47 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, Antitrust: “Giusto escludere Autostrade”. Bucci: “Rifarlo entro il 2019? Partire a dicembre”

prev
Articolo Successivo

Spread stabile sotto i 300. Volano gli interessi dei Bot a un anno: +51 punti su settembre, ai massimi da 5 anni

next