Questo governo offre gratis pasticci quotidiani, e fa già per tre. Offre a tutti motivi per sbeffeggiarlo, e non dovremmo curarci di trovarne altri per dirci sazi. E invece… Ora, per esempio, non ci sta bene che i soldi del reddito di cittadinanza siano destinati a soddisfare bisogni primari e, almeno in teoria, ad escludere le spese di non stretta necessità.

Possiamo essere contro questa misura, ritenerla puramente assistenziale, giudicarla uno spreco. Ma non possiamo irridere lo sforzo, almeno teorico, di contenerla nella cornice per la quale è immaginata. Invece costruiamo fantasie, parliamo a vanvera di Stato etico, di Stato occhiuto, di ipertrofia del controllo.

C’è da scommetterci che ci scandalizzeremmo con enfasi uguale e contraria se ci imbattessimo in un tizio che bruciasse in spese decisamente voluttuarie ciò che gli è concesso in ragione della sua povertà assoluta e certificata.    

Dove esiste il sussidio esiste il controllo sul suo utilizzo. Dovremmo essere i primi a esigerlo, ma soprattutto dovremmo saper bene come spendere la nostra protesta e non dilapidarla nel vuoto pneumatico di una polemica senza capo né coda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Si chiama Panzironi il nuovo santone televisivo – L’Istantanea di Caporale

prev
Articolo Successivo

Veneto, via alla secessione dei ricchi – L’Istantanea di Caporale

next