Partiti in cerca di un lavoro. Gli emigranti esistono anche in Italia. Vanno verso il nord del Paese, verso l’Europa, verso l’America. Lasciano la famiglia come a inizio Novecento, con una ideale “valigia di cartone”. Ecco alcune delle loro storie raccontate a valigiadicartone.ilfatto@gmail.com

Io partii nel 2007 all’ età venerabile di 53 anni, perché – obviously – non avevo un lavoro a tempo indeterminato. E in più, essendo un poco stagionata, ero ancor meno papabile. Giustamente mi si preferì una giovane mamma. Diciamo che ho sofferto una discriminazione.

Meno male! Ora qui dove mi trovo, a Newcastle in Australia, e sono già dieci anni, ho fatto una rapida carriera nell’università in cui lavoro. Ho fondi per la ricerca, sono rispettata, viaggio nel Sud e Nord del globo.

Ho lasciato una madre anziana. Mi mancano le montagne, mia sorella e due bellissimi nipoti. E gli amici. Mio marito ha lasciato tutto per seguirmi e la sua vita non è stata facile. Eppure, guardando indietro e pur sapendo che il tempo non esiste ed è un accidente del Big Bang, rimetterei ancora le mie cose in quattro contenitori di alluminio, nemmeno un metro cubo ciascuno. Sono stati i miei primi mobili: han fatto da tavolo, da sedie e da comodini. Lo rifarei perché qui ho iniziato una carriera a 53 anni, che mi ha fatto uscire da un pessimismo al limite della depressione.

Oramai poi pare di essere a casa. È pieno di italiani! Con tanta fantasia, intraprendenza, genialità di chi è abituato a far ricerca con quattro soldi. Sono molto orgogliosa degli italiani in Australia. Tanti, ma tanti hanno storie di successo, dalla pizzeria alle scoperte importanti in medicina. Forse è un bene che gli italiani facciano le valige. Sennò, come potrebbero contribuire al bene di tutti se restassero a casa?

Cordiali saluti da Down Under,

Silvia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Sono a Londra perché la mia fame ha superato la paura. L’Italia è bella, ma non è l’unica”

next
Articolo Successivo

‘Noi emigrati destinati all’oblio’: la poesia di un expat dalla Svizzera

next