Quasi tre mesi dopo che la Camera ha approvato il taglio dei vitalizi per gli ex deputati, il Senato ha avviato l’iter in ufficio di presidenza. La presidente di Palazzo Madama Maria Elisabetta Alberti Casellati non ha mai nascosto le sue perplessità sull’intervento retroattivo e ha deciso di prendere più tempo di riflessione rispetto ai colleghi di Montecitorio. Oggi si è stabilito che il documento base da cui partire per la discussione è lo stesso di quello prodotto dalla Camera nei mesi scorsi. Il termine per le richieste di modifica è fissato per venerdì 15 ottobre alle 15 e l’organo dovrebbe quindi iniziare il dibattito il 16 ottobre alle 14.30. In un primo momento la questore M5s Laura Bottici aveva messo in guardia sul rischio che la delibera fosse diversa da quella di Montecitorio, fatto che ha poi smentito lei stessa nel pomeriggio. “Siamo felicissimi”, ha detto. “Il discorso è che non possiamo fare due provvedimenti diversi tra Camera e Senato. Devono essere uguali. Noi come M5s siamo per mantenere il testo base adottato e fare la delibera”. Il testo è stato approvato da Lega e M5s, mentre gli altri esponenti politici non hanno partecipato al voto. Intanto oggi il Fatto Quotidiano ha rivelato che proprio la Casellati a settembre scorso ha vinto il ricorso contro il Senato per il suo vitalizio arretrato.

L’iter per il taglio dei vitalizi a Palazzo Madama procede a rilento da settimane e la stessa presidente ha più volte rimandato l’avvio dei lavori con la scusa di voler evitare una pioggia di ricorsi. La questore Bottici nel primo pomeriggio aveva messo in guardia sul rischio che fosse adottato un testo diverso, un fatto che avrebbe potuto creare disparità di trattamento tra le due Camere e aprire ad altre problematiche. “La buona notizia”, aveva scritto Bottici su Facebook in un post poi ripreso dal Blog delle Stelle, “è che, grazie alla nostra determinazione, oggi la presidente Casellati presenterà al Consiglio di Presidenza del Senato una delibera per il ricalcolo dei vitalizi. Proprio l’organo che ha messo in piedi questo sistema, adesso, con la stessa autonomia con la quale lo ha creato deve riformarlo. La cattiva notizia è che, probabilmente, la presidente Casellati, anziché riproporre la delibera già approvata alla Camera dei deputati, presenterà un testo differente”. Bottici ha anche detto di aver scoperto dell’incontro in programma oggi dai giornali: “Un’altra stranezza che non ho potuto fare a meno di notare è che i membri del Consiglio di presidenza abbiano appreso della convocazione di oggi dalla stampa, senza prima ricevere alcuna comunicazione interna. Noi non arretreremo di un millimetro rispetto alle nostre posizioni, considerando che persino l’audizione di Boeri, fortemente voluta dalla presidente Casellati, toglie ogni alibi a chi continua a difendere i vitalizi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vitalizi, i pm: “In Trentino Alto Adige danno per dieci miloni”. Ma Regione e province non si costituiscono parte civile

prev
Articolo Successivo

Vitalizi, Regione Lombardia si adegua in anticipo: già approvato il taglio previsto in Manovra. Si parte ad aprile 2019

next