Quasi 60 iniziative, tra incontri, seminari, eventi culturali e tavole rotonde. Filippo Miraglia, componente della Presidenza nazionale Arci, ha presentato a Roma la quarta edizione del festival delle culture mediterranee, Sabir (organizzato insieme ad Acli, Caritas e Cgil), che si terrà a Palermo dall’11 al 14 di ottobre. Un appuntamento all’insegna dell’accoglienza, dell’integrazione e della libera circolazione, “in un momento in cui – come dicono gli organizzatori – il governo punta il dito contro i migranti”.
“La nostra iniziativa è controcorrente, visto che in Europa spira un vento xenofobo e razzista. Per questo cerchiamo di creare un’alternativa, proviamo a ribaltare l’egemonia di chi considera l’immigrazione un cavallo di battaglia fatto di paura e cattiverie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, la polizia municipale va a lezione di antirazzismo. La sottosegretaria della Lega: “Assurdo e offensivo”

prev
Articolo Successivo

Aiutare gli africani in Africa? Ecco qualche idea concreta

next