Contraccettivi gratuiti e aborto farmacologico applicato come negli altri Paesi: sono queste le richieste della Rete nazionale Molto+di194 e le richieste emerse oggi dal convegno Non tornare indietro: molto più di 194! alla Camera dei Deputati a Roma nella giornata internazionale per l’aborto sicuro. “Abbiamo invitato la ministra della Salute Grillo ma non abbiamo ricevuto risposta”, spiegano le organizzatrici. “In Italia diminuiscono gli aborto ma anche il ricorso alla contraccezione“, dice la ginecologa Mirella Parachini. “Questo vuol dire che si fa ricorso a rimedi ‘naturali’. Se arriva un figlio, lo si tiene”.

“Abbiamo lanciato una petizione sulla gratuità dei contraccettivi, che non ha ancora avuto risposte da parte delle istituzioni preposte, e una sull’aborto farmacologico: una tecnica sicura ed economica che nel nostro Paese è impiegata solo nel 15,7% dei casi, largamente sottoutilizzata rispetto agli altri Paesi europei dove l’interruzione volontaria di gravidanza è legale”, spiegano le coordinatrici Eleonora Cirant e Cristina Valsecchi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata per l’aborto sicuro: “Contro Pillon e ministro Fontana serve uno schieramento progressista di donne”

prev
Articolo Successivo

L’aborto va garantito senza rischi. Gli antiabortisti la smettano di opporsi alla prevenzione

next