Nuova multa, questa volta di 1,7 milioni, alle compagnie telefoniche per le fatturazioni a 28 giorni. L’Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) ha sanzionato Tim, Vodafone e Fastweb: i tre gestori dovranno pagare rispettivamente 696mila, 580mila e 406mila euro. In test effettuati sui siti web delle compagnie lo scorso 16 febbraio è stato rilevato che gli operatori promuovevano “offerte di telefonia fissa, anche di tipo convergente, con cadenza di rinnovo e di fatturazione sulla base di 4 settimane e non mensile o suoi multipli”, riporta Federconsumatori in una nota. “Il Dl Fisco di dicembre 2017 era stato, invece, molto chiaro nello stabilire la cadenza mensile alle fatturazioni”. Quello delle compagnie è “un atteggiamento inaccettabile, in totale dispregio delle norme e delle delibere emesse, nonché degli interessi e dei diritti dei consumatori”, attacca l’associazione. “Invitiamo tutti i cittadini a prestare attenzione alle condizioni contrattuali, a rifiutare e segnalarci tutti i contratti che non hanno cadenza mensile”, conclude la nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elon Musk, Tesla crolla in borsa (-12%) dopo le accuse di frode al miliardario

prev
Articolo Successivo

Spread in salita: Moscovici, Tria,e Dombrovskis fanno accelerare la corsa dei titoli di Stato

next