Confronto a Otto e Mezzo (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il patron della catena Eataly, Oscar Farinetti, sul governo gialloverde. L’imprenditore osserva: “Mi ritengo personalmente piuttosto lontano da determinati messaggi del governo, che portano alla sfiducia e all’egoismo. Il nostro Paese in questo momento potrebbe fare molto meglio e molto di più, se ci fosse più fiducia. Ero uno dei pochissimi del mondo della sinistra, o forse l’unico, secondo cui Berlusconi faceva bene a dire che i ristoranti fossero sempre pieni. E tutti prendevano in giro anche me. Chi sta al governo, secondo me” – continua – “deve cercare di aiutare a sviluppare il sentimento della fiducia. Come diceva Adam Smith, che era un economista ma parlava di sentimenti morali, la fiducia è l’unico vero algoritmo che può muovere l’economia. Vedo Scanzi che scuote la testa”. Scanzi replica: “Scrollavo la testa perché conosco la propensione molto sincera e onesta di Farinetti alla fiducia. Però questa applicazione della fiducia ostentata o il dire sistematicamente in tv, dal palco, in Parlamento che va tutto bene e che l’ottimismo è il profumo della vita sono stati la ricetta renziana che ha portato alla distruzione del Pd. Se la ricetta per far ripartire il centrosinistra è continuare a dire agli italiani in profonda crisi che devono avere fiducia, capisco che gli italiani rispondano: ‘Sì, però anche basta. Fateci provare con gli altri'”. E aggiunge: “Il politologo Roberto D’Alimonte, padre dell’Italicum, sicuramente non leghista, ha fatto una indagine tra gli elettori del Pd ed è risultato che l’80%, sulla questione migranti, si trova molto più vicino alla linea Minniti che non con la svolta di accoglienza di Martina. Questo significa che anche in quelle parti, un tempo tolleranti e un tempo riottose nei confronti di alcune scelte incluse nel Decreto Salvini, evidentemente hanno cambiato idea. Qualcosa sta succedendo in questo Paese”. Il giornalista chiosa: “Si può reagire invitando gli italiani ad avere fiducia con la promessa che andrà tutto bene e che ci sarà il lieto fine come nelle serie televisive, ma, secondo me, Salvini e Di Maio oggi vincono le elezioni e hanno successo perché stanno facendo diversamente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cremaschi vs Romano: “Bisogna vietare alle aziende di tenere precari per 20 anni”. “Vuoi una società militarizzata”

next
Articolo Successivo

Scanzi a Farinetti: “Tua idea di sinistra piace a imprenditori, non a classe operaia”. “Evita questa visione marxista”

next