Il brand di Forza è stato un metro di paragone per definire i racing game, o per meglio dire i videogiochi di corse. La serie si declina in due approcci completamente diversi: Forza Motorsport -sviluppato da Turn10- è sempre stato più orientato a gare su circuiti reali e con meccaniche di gioco più simulative, mentre Forza Horizon -sviluppato da Playground Games- si distingue grazie  alla sua natura più accessibile e arcade.

Nella storia raccontata da Playground Games, Horizon è un festival automobilistico che ogni anno si sposta di Stato in Stato, portando musica, gare ed eventi per tutta la stagione più calda. Dopo il successo delle precedenti edizioni, si è deciso di evolvere il tutto in una manifestazione a quattro stagioni, coprendo anche autunno, inverno e primavera.

Nel gioco impersonerete un giovane partecipante, deciso a diventare campione. È possibile scegliere un nome tra centinaia a disposizione, ed è personalizzabile con vestiti e accessori acquistabili nei garage sparsi per la mappa. La casa di sviluppo si è voluta concentrare in particolar modo sulla modifica estetica e meccanica dei veicoli. È possibile cambiare colore, applicare decalcomanie o disegni, cambiare targa, clacson, stabilire un assetto personale o modificare alcuni componenti come freni, motore e gomme.

Il cambio di stagioni è la grande novità di questo Forza Horizon 4, e consente ai giocatori di gareggiare in diverse situazione climatiche: neve, pioggia, nebbia. La varietà del gioco è galvanizzata anche dalla diversità della Gran Bretagna, sede del festival in questo capitolo. Tra campagne, praterie, strade e città, difficilmente vi sembrerà di percorrere lo stesso tragitto due volte.

Il mondo di gioco è enorme e completamente esplorabile. Tante sono le gare a cui partecipare e tutte dissimili fra loro. Possiamo trovare corse su sterrato, gare stradali, sfide acrobatiche e persino eventi in cui è necessario battere in velocità alcuni improbabili veicoli o velivoli, come Hovercraft o moto da cross.

Oltre a questo, sono tantissimi gli “oggetti” collezionabili da trovare. Dai classici “gioielli dimenticati” –rarissime auto nascoste nei capanni-, fino alle centinaia di cartelloni da distruggere, spesso posizionati in luoghi improbabili. Il divertimento è comunque immancabile, grazie soprattutto ad un modello di guida sopraffino, accessibile e scalabile, in cui il peso dell’auto utilizzata è avvertibile sia con il volante che con il pad.

Gli appassionati del gioco online troveranno in questo quarto episodio tante avventure da affrontare con i propri amici, tra cui la campagna cooperativa, il team adventure -che permette scontri a punti 6 contro 6, gare personalizzabili e tanto altro. Se questo non dovesse bastare, i server Xbox Live consentono di far partecipare simultaneamente 72 giocatori in un’unica sessione ed è possibile, quindi, incontrare giocatori sconosciuti da sfidare e comunicare con loro tramite un sistema integrato di messaggistica.

Forza Horizon 4 è un prodotto di altissimo livello. Divertente, longevo e graficamente strepitoso. Un videogioco di corse semplicemente perfetto, che può essere considerato il nuovo metro di paragone del genere. Playground Games ha fatto centro ancora una volta.

Forza Horizon 4 arriverà sul mercato il prossimo 2 ottobre 2018 e sarà disponibile per Xbox One e Microsoft Windows. Gratis per chi ha sottoscritto un abbonamento a Xbox Game Pass.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il navigatore social Waze è arrivato su Apple CarPlay

prev
Articolo Successivo

Overwatch, a Parigi il gioco di Blizzard è come un vero sport

next