Lo sfratto non è avvenuto. I lavoratori della Rimaflow hanno tempo fino al 28 novembre per provare a tenere stretta l’area di Via Boccaccio a Trezzano sul Naviglio. La stessa fabbrica protagonista della vicenda giudiziaria che lo scorso 26 luglio ha portato all’arresto del suo presidente, Massimo Lettieri. Questa mattina l’ufficiale giudiziario ha incontrato gli avvocati di Unicredit, proprietaria dell’Immobile, e gli stessi lavoratori per procedere all’inventario di tutto il contenuto dei capannoni. C’è tempo dunque fino alla fine di novembre per trovare una soluzione, nel frattempo gli operai hanno deciso di organizzare un nuovo incontro con la Prefettura per poter regolarizzare la propria presenza all’interno dell’area e poter continuare a lavorare perché come afferma Luca Federicini, coordinatore della Cooperativa, “tutti i 120 dipendenti ne hanno bisogno, adesso più che mai”.
Da Unicredit fanno sapere che stanno collaborando “con le autorità al fine di rientrare in possesso del proprio immobile, anche alla luce delle attività illecite commesse all’interno dell’area e oggetto di indagini da parte della magistratura. La banca ha manifestato la propria disponibilità a incontrare i lavoratori della Rimaflow al fine di trovare una soluzione per consentire di continuare l’attività in un’area alternativa”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vigili del fuoco, in 1200 idonei ma mai assunti in 8 anni: “Genova insegna. Con noi più risorse ed età media più bassa”

prev
Articolo Successivo

Ilva di Genova, il lavoratore a Toti: “Senza convocazione noi in piazza”. E lui: “Per voi ho la faccia da grillino?”

next