Una delegazione dei lavoratori Ilva si è presentata all’inaugurazione della nuova strada “Via delle Superba” per protestare ancora una volta contro la situazione di stallo per le trattative legate ai piani industriali degli stabilimenti. Chiedono venga rispettato l’accordo di programma, come firmato dal ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che prevede continuità di occupazione e reddito dei 1.474 lavoratori dell’Ilva di Genova Cornigliano.
“Presidente se entro il 23 non ci arriva la convocazione noi il 24 scenderemo in piazza, il Ministero si sbrighi…” annunciano i lavoratori al presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che coglie la palla al balzo: “Ho la faccia da Cinque Stelle? Litigo un giorno si e l’altro anche con il governo, penso che siano intenzionati a convocarvi a breve, così non fosse non posso che darvi ragione”.
Pochi minuti dopo arriva il Ministero dello Sviluppo Economico rende noto in un comunicato stampa “di aver convocato il tavolo sull’accordo di programma Cornigliano-Ilva così come previsto nell’accordo sindacale sottoscritto al Mise lo scorso 6 settembre”. Così si terrà presso lo stabilimento Ilva di Genova/Cornigliano lunedì 24 alle 15.30, il tavolo richiesto dai lavoratori.
“Aspettiamo la lettera ufficiale ma la convocazione è un fatto positivo perché inizia la trattativa. Per averla bisogna sempre un po’ alzare la voce ma ci siamo abituati”, commenta il segretario della Fiom Genova, Bruno Manganaro. “Vediamo come finisce – prosegue il sindacalista – noi chiediamo la conferma dell’accordo di programma per Genova, sulle aree, sui numeri, sui diritti e sul salario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rimaflow, Unicredit rivuole l’area ma gli operai si difendono: “Lavorare non è un reato, noi dalla parte giusta”

prev
Articolo Successivo

Il mercato del lavoro cerca ingegneri ma l’Italia non li ha. Di chi è la colpa?

next