La scorsa settimana, tra il 7 e l’8 settembre, mentre a Venaus c’era il campeggio dei No Tav, un centinaio tra antagonisti e attivisti hanno raggiunto la frazione Gravella di Chiomonte, dove era stato predisposto uno sbarramento di cemento armato con rete metallica a protezione del cantiere. Lì in un primo momento un gruppetto ha accatastato della legna sotto lo sbarramento e le ha dato fuoco. Successivamente, come si vede nel video, un altro gruppo ha lanciato razzi, materiale pirotecnico e, come sostenuto dalla Polizia, bombe carta. Le forze dell’ordine hanno risposto con gli idranti e i lacrimogeni.
Questa mattina sono stati identificati e denunciati 76 dei partecipanti dei disordini di Chiomonte. Tra i diversi reati contestati a carico degli indagati: l’inottemperanza di un provvedimento dell’Autorità, le accensioni ed esplosioni pericolose, il danneggiamento e l’inottemperanza al “foglio di via”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, fermato in Sardegna presunto foreign fighter italiano. Era stato in Siria a combattere contro Isis

next
Articolo Successivo

Trento, vendevano dati a investigatori privati: 9 arresti tra forze dell’ordine in provincia di Foggia, Roma e Bolzano

next