La scorsa settimana, tra il 7 e l’8 settembre, mentre a Venaus c’era il campeggio dei No Tav, un centinaio tra antagonisti e attivisti hanno raggiunto la frazione Gravella di Chiomonte, dove era stato predisposto uno sbarramento di cemento armato con rete metallica a protezione del cantiere. Lì in un primo momento un gruppetto ha accatastato della legna sotto lo sbarramento e le ha dato fuoco. Successivamente, come si vede nel video, un altro gruppo ha lanciato razzi, materiale pirotecnico e, come sostenuto dalla Polizia, bombe carta. Le forze dell’ordine hanno risposto con gli idranti e i lacrimogeni.
Questa mattina sono stati identificati e denunciati 76 dei partecipanti dei disordini di Chiomonte. Tra i diversi reati contestati a carico degli indagati: l’inottemperanza di un provvedimento dell’Autorità, le accensioni ed esplosioni pericolose, il danneggiamento e l’inottemperanza al “foglio di via”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, fermato in Sardegna presunto foreign fighter italiano. Era stato in Siria a combattere contro Isis

prev
Articolo Successivo

Trento, vendevano dati a investigatori privati: 9 arresti tra forze dell’ordine in provincia di Foggia, Roma e Bolzano

next