Il consigliere comunale tarantino del Movimento 5 Stelle, esponente della minoranza Massimo Battista, operaio Ilva, lascia il partito, a seguito dell’accordo raggiunto tra azienda, sindacati e governo per la vendita dell’azienda. “E’ una decisione che prendo nel rispetto di più di mille cittadini che mi hanno votato ma anche di tutto il resto della città”, ha detto stamane Battista incontrando i giornalisti. Battista è militante storico del Comitato lavoratori e cittadini liberi e pensanti.

“Ho sperato anch’io che fosse finalmente arrivato il momento di iniziare a realizzare una Taranto libera dalla fonti inquinanti, fondata su quelle economie alternative che da decenni vengono sacrificate. Avrebbe richiesto anni di impegno ma con un governo alleato e non più nemico non sarebbe stato impossibile. Da diversi mesi, però – ha ammesso – è evidente per me che le speranze nel Movimento Cinque Stelle sono state tradite. Da quando si è insediato il governo Conte”, ha proseguito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, Tria: “Flat tax? Introduzione graduale da finanziare con tax expenditure. Ci sarà la pace fiscale”

prev
Articolo Successivo

Minniti: “Renzi? Positivo che torni nel nostro popolo. Salvini? L’Incredibile Hulk non fa più paura a nessuno”

next