Ninfa torna a far parlare di sé. Noi qui avevamo già messo in evidenza il ruolo delle donne, vi ricordate? Le tre donne – Aba Wilbraham Caetani, Marguerite Chapin Caetani e la figlia Lelia Caetani Howard – hanno fatto di questa pianura in provincia di Latina un luogo incantevole e meraviglioso che ormai ha superato tutti i confini, nazionali e europei per attestarsi come uno dei migliori e più belli giardini al mondo.

Non molti anni fa Ninfa venne classificata dagli inglesi tra i dieci giardini più belli al mondo in un elenco stilato da Rory Stuart, autore specializzato in libri di giardinaggio e ambiente. Nell’occasione così scrissero di Ninfa sul Telegraph: “A romantic ruin garden created by three generation of women, with water everywhere. Achieved with artful care, so that it seems almost natural”.

La storia e la fama di questo posto dunque va avanti e venerdì pomeriggio i Giardini di Ninfa sono stati premiati a Nordkirchen in Germania all’European Garden Award 2018-2019. Un bellissimo e significativo secondo posto nella sezione “L’eredità europea dei giardini e del giardinaggio”. Hanno ritirato il premio il presidente della Fondazione Roffredo Caetani, l’architetto Tommaso Agnoni e il direttore del Giardino, Lauro Marchetti. A contendersi il prestigioso riconoscimento anche i Kew Gardens del Regno Unito (che si è classificato al primo posto) e il Tirsbaek Manor in Danimarca.

L’European Garden Award è stato istituito nel 2010 con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica al patrimonio europeo dei giardini e al giardinaggio contemporaneo e promuovere la cooperazione internazionale. Questa categoria “L’eredità europea dei giardini e del giardinaggio” è stata creata quest’anno come contributo all’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

Come non essere soddisfatti noi che ce l’abbiamo a pochi passi da casa? Un paradiso apprezzato da chiunque ci sia stato e che continua a farsi conoscere e amare. La sua storia parte da lontano. Il giardino, infatti, custodisce le rovine di una città medievale, incendiata e saccheggiata più volte e poi abbandonata dai suoi abitanti. Oggi, intorno alle rive di un laghetto, sono rimasti i ruderi di un borgo fantasma, con le sue mura, le torri, le chiese e le abitazioni. Proprietari del posto erano i principi Caetani. L’area venne bonificata intorno al 1920 da Celasio Caetani, che decise di realizzare qui lo splendido giardino e avviò anche un recupero botanico attraverso la piantumazione di specie diverse sotto la guida della madre Aba Wilbraham Caetani. Fu Lelia, comunque, ultima esponente della nobile famiglia a sistemare questo splendido parco romantico, arricchendolo con specie esotiche e con fantasiosi giochi d’acqua. Scomparsi i Caetani, il testimone passò a Lauro Marchetti, da sempre vicino alla famiglia Caetani, che è un attentissimo curatore e custode di questa oasi viva e meravigliosa e ne conserva la memoria intatta.

D’altronde è un patrimonio culturale di altissimo livello, che “dobbiamo riuscire a consegnare alle future generazioni insieme ad un messaggio che parla di tutela, conservazione, salvaguardia della nostra storia e dell’ambiente che ci circonda”, hanno detto, impegnandosi a farlo al massimo, i due rappresentanti di questo posto magico nel ricevere il premio. Il luogo, infatti, mentre ti proietta e ti riporta nel passato, con quelle case dirute, allietate e circondate da una natura apparentemente selvaggia, nel contempo, ammirando la sua natura mozzafiato, quasi perfetta, fatta di cascatelle, colori e profumi vari, che si fa ammirare e apprezzare, ti fa promettere, quasi senza volerlo, che tu sì, farai del tutto, per lasciare non solo questo posto intatto, ma per quello che è possibile, anche tutto quello che è indenne da “cemento selvaggio”. E’ questo in fondo in fondo, il significato di questo premio, no?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘100 parole per salvare il suolo’, un dizionario per capire il linguaggio delle lobby del cemento

prev
Articolo Successivo

Alluvione Livorno, l’inchiesta verso la svolta: dall’urbanistica ai soccorsi, così la superperizia degli ingegneri sarà decisiva

next