29 anni, una vita e un cancro al seno. “Un giorno la tua preoccupazione più grande è scegliere quale film vedere su Netflix e il giorno successivo invece be’… ti trovi a dover lottare per scacciare il più ingombrante e antipatico degli inquilini.” Dal suo blogIsabella affronta quel male dentro col disegno, il fumetto, dando forma a una storia vera. E’ la terapia del racconto, il beneficio del “buttare fuori” e isolare la bestia fino ad estinguerla.

Lo fa disegnando, con ironia e una infinità di coraggio, disegna per dare forma a un destino che ha scelto (anche) lei. Ma il disegno è silenzio e lentezza, è vedere e vedere è capire: disegnare è capire.

Isabella non si ferma alle parole, ma compone l’immagine del suo male, lo colora, lui che promette morte viene nel fumetto costretto alla peggiore delle “condanne”: vivere e Isabella lo costringe a vivere la quotidianità, disordinare il frigorifero, abbuffarsi di gelato, violare la privacy del bagno, giocare alla play, costretti nella convivenza forzata a parlarsi per conoscersi e solo così combattersi, non c’è spazio per entrambi.

Disegnare è capire, Isabella ci disegna la sua storia e si cura anche così: “ride bene chi ride ultimo” (certe medicine non si assumono, si ridono!). Il suo blog è Triplo Guaio e ogni lettore in più è l’unione che le dà forza.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italiani come noi, è giusto limitare le aperture festive? “Non ci rinuncerei”. “Ma si potrebbe pagare di più la domenica”

next
Articolo Successivo

Il caffè Starbucks a Milano serve per fare conversazione

next