Fuma marijuana e beve whiskey nel corso di un’intervista di due ore e mezzo per il podcast di Joe Rogan. Ed è subito bufera su Elon Musk, il miliardario visionario dietro a Tesla e SpaceX. Nel corso dell’intervista – di cui sono stati diffuse le immagini – Musk afferma che mantenere in vita una casa automobilistica è “molto difficile” e che nessuno al governo ascolta la sua richiesta di regolare l’intelligenza artificiale. Rispondendo a chi gli chiedeva cosa succedesse all’interno della sua testa, Musk risponde: è “un’esplosione senza fine”.

La bufera è immediata: mentre molti aleggiano dubbi sul suo stato di salute mentale, i titoli Tesla crollano a Wall Street arrivando a perdere fino al 10%. A contribuire al nuovo crollo c’è poi la fuga dei manager: il chief accounting officer Dave Morton lascia dopo appena quattro settimane e la responsabile delle risorse umane, Gabrielle Toledano, annuncia che non tornerà in azienda al termine dell’aspettativa, presa il 29 agosto dopo il tweet di Musk sul delisting di Tesla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, l’Afd e l’asse con gli xenofobi anti-Islam e neonazi. Da Chemnitz parte la corsa al voto dei sovranisti

prev
Articolo Successivo

Elezioni in Svezia, l’ascesa dell’ex partito neonazi contro l’immigrazione. Per la sinistra consensi così bassi solo nel 1908

next