La chiamata alla piazza per alcuni è lo strumento per opporsi a questo governo. Personalmente, coltivo un’istintiva diffidenza per le piazze “contro”, che compattano i fronti e consolidano i “capi”. Il 13 settembre si riparte con una piazza, ma “per” qualcosa.

A cinque anni dal deposito delle firme di 67mila cittadini sulla proposta di legge dell’Associazione Luca Coscioni per la legalizzazione dell’eutanasia (poi sottoscritta in totale da 130mila persone), il Parlamento non ne ha discusso nemmeno un minuto. Saremo in piazza da davanti a Montecitorio a ricordarlo, dalle 11 alle 13 di mattina, prima della riunione dell’intergruppo parlamentare sul finevita. A partire dal 13, torneremo a raccogliere firme in giro per l’Italia e in Rete, fino a quando il Parlamento si farà vivo.

Non è una mobilitazione “contro” questo governo. La legge da abrogare – per la quale siamo, con Mina Welby, sotto processo rischiando condanne dai 5 ai 12 anni di carcere – sopravvive immutata dal 1930. Bisognerebbe dunque prendersela con tutte le maggioranze dal Gran consiglio del fascismo in poi. Né sarebbe stato realistico pretendere l’avvio di legislatura fosse occupati da temi che non sono nel mitico “contratto”.

Però i primi cento giorni sono passati e il Governo ha davanti un’alternativa precisa: o si chiama fuori – su questo e altri temi come la legalizzazione delle droghe, la ricerca sulle staminali embrionali, la modificazione genetica – e lascia il Parlamento libero finalmente di discutere e decidere, oppure interviene per rimuovere la questione, soffocare il confronto e negare realtà sociali sempre più evidenti.

Quanto alle opposizioni, l’interesse ad affrontare temi concreti invece di contrapposizioni ideologiche mi pare così evidente da non dovermi soffermare oltre. In materia di libertà civili, non basta difendere le conquiste del passato. In un mondo che cambia veloce, restare fermi (al 1930, ma anche alle politiche ispirate dal Vaticano nell’era Ruini) è un modo per andare velocemente indietro. In mezzo alle risse quotidiane dei partiti, è ora di trovare il tempo anche di parlare del diritto a vivere liberi fino alla fine. Per chi ci crede, tutti in piazza dunque, e alla firma, a partire dal 13 settembre!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, il sondaggio tra i millennial: “Gli stranieri non ci rubano il lavoro”. Rimpatri? L’82 per cento è contrario

prev
Articolo Successivo

Giornata mondiale sulla distrofia muscolare di Duchenne, ancora non c’è cura ma aspettativa di vita è aumentata

next