Ha senso oggi parlare di nazionalizzazioni? Ilfattoquotidiano.it lo ha chiesto all’ex ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, intervenuto al Forum Ambrosetti di Cernobbio. “Le risposte generiche e un po’ velleitarie a problemi specifici sono solo un modo per creare incertezza quando invece bisogna entrare nel merito del caso per caso”, dice. Non entra poi nel merito dei ricchi contratti di concessione, lui che pure ha un passato da consigliere economico di Palazzo Chigi con Massimo d’Alema, proprio negli anni delle grandi privatizzazioni? “Bisogna vedere caso per caso: se ci sono state irregolarità vanno viste”, risponde. Nessun commento, invece, alle “illazioni” sulle future mosse del governo in tema di conti pubblici, in attesa di poter giudicare i numeri veri. Quanto allo spread, inutile incolpare Draghi: il problema è  tutto “nell’incertezza politica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ilva, Calenda: “Mi sono complimentato con Di Maio per aver cambiato idea. In campagna elettorale la voleva chiudere”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, nuovo viadotto a “km 0”. Toti: “Pronto entro ottobre 2019. Acciaio da Arcelor”. Autostrade: “Sì a Fincantieri”

next