Vertice tra Autostrade, Regione Liguria e Comune di Genova sull’abbattimento e la ricostruzione del Ponte Morandi, crollato il 14 agosto. Il piano per la demolizione, ha annunciato il governatore Giovanni Toti, potrà essere esecutivo in un mese.

“Oggi abbiamo presentato – nei tempi nei quali ci eravamo impegnati a farlo – una serie di opzioni di demolizione e di ricostruzione del viadotto Polcevera, che saranno in parte sovrapposte, confermando sostanzialmente i tempi già annunciati – ha spiegato l’amministratore delegato di Autostrade e Atlantia, Giovanni Castellucci – In ogni caso i piani potranno diventare definitivi solo dopo l’accesso ai luoghi e richiederanno integrazioni e affinamenti sul piano architettonico, da condividere con le parti interessate”. L’ad ha anche annunciato l’estensione della gratuità dei pedaggi nell’area genovese.

Il piano di demolizione preliminare non ha ancora una tempistica esatta, poiché l’area è sequestrata: “Andremo a chiedere il permesso alla procura – ha detto Toti – Il piano di demolizione sarà più breve del previsto, si pensa a 30 giorni di esecuzione. Il moncone est sarà demolito in modo più rapido con mezzi meccanici ed esplosivi, come idea. Mentre il moncone ovest sarà smontato pezzo pezzo. In un mese potrebbe essere operativo il piano esecutivo“.

Contestualmente, Regione Liguria e Comune di Genova hanno annunciato di aver scritto una lettera al premier Giuseppe Conte e al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, per “suggerire un provvedimento di legge ad hoc che non deve essere per forza una legge speciale per Genova, ma può essere messo nel prossimo Milleproroghe per andare oltre il primo decreto di emergenza che fissò i primi fondi per gli indennizzi e quindi per avere nuovi fondi”. Nella missiva, gli enti locali, chiedono anche di poter “derogare a una serie di vincoli per la assegnazione dei cantieri e degli appalti“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, il rettore della chiesa crollata: “Sabato doveva esserci un matrimonio, sarebbe stata una strage”

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi di Agrigento, l’assessore regionale ai Beni culturali propone l’abbattimento. È già chiuso per degrado

next