Due rinvii, tre controlli. Alla fine la pioggia ha la meglio sullo spettacolo. Niente gran premio a Silverstone. Annullate tutte e tre le competizioni in programma dopo che i rilievi hanno restituito sempre identico risultato: troppo pericoloso correre su una pista il cui asfalto – rinnovato di recente – non garantisce aderenza. Persino la safety car ha iniziato a sbandare, mentre l’asfalto si gonfiava d’acqua. Inevitabili le polemiche sul manto stradale poco drenante in un circuito che ha vissuto non poche gare bagnate. E anche i rimpianti. Soprattutto per la Ducati che in Inghilterra sarebbe partita dai primi due posti con Lorenzo e Dovizioso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MotoGp, Lorenzo in pole a Silverstone. Dovizioso è 2°, Marc Marquez partirà in seconda fila. Valentino Rossi solo 12esimo

next
Articolo Successivo

Motogp, a Misano pole per Lorenzo. Dovizioso quarto, settimo Valentino

next