Due rinvii, tre controlli. Alla fine la pioggia ha la meglio sullo spettacolo. Niente gran premio a Silverstone. Annullate tutte e tre le competizioni in programma dopo che i rilievi hanno restituito sempre identico risultato: troppo pericoloso correre su una pista il cui asfalto – rinnovato di recente – non garantisce aderenza. Persino la safety car ha iniziato a sbandare, mentre l’asfalto si gonfiava d’acqua. Inevitabili le polemiche sul manto stradale poco drenante in un circuito che ha vissuto non poche gare bagnate. E anche i rimpianti. Soprattutto per la Ducati che in Inghilterra sarebbe partita dai primi due posti con Lorenzo e Dovizioso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

MotoGp, Lorenzo in pole a Silverstone. Dovizioso è 2°, Marc Marquez partirà in seconda fila. Valentino Rossi solo 12esimo

prev
Articolo Successivo

Motogp, a Misano pole per Lorenzo. Dovizioso quarto, settimo Valentino

next