“Il ministro Salvini è indagato e io credo che sia un atto dovuto in quanto ministro dell’Interno e quindi titolare delle decisioni su quelle materie”. Lo ha detto Luigi Di Maio in un video pubblicato sul suo profilo Facebook, commentando la notizia dell’inchiesta della procura di Agrigento, che vede indagato per abuso d’ufficio e sequestro di persona il titolare del Viminale. “Allora, come ci si comporta in questi casi? Prima di tutto nel nostro contratto di governo c’è anche un codice etico dei ministri e in base a quel codice etico -e anche a quello del nostro Movimento- il ministro dell’Interno deve continuare a fare il ministro”. Il ministro del Lavoro ha poi ricordato quando chiese un passo indietro all’allora ministro Alfano perché sotto inchiesta per abuso d’ufficio. “Mi dicono che io chiesi le dimissioni di Alfano perché era indagato per abuso d’ufficio? Lui si doveva dimettere in quanto Alfano, ne aveva fatte di tutti i colori” ha sottolineato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini-Orban si vedono a Milano, M5s: “Non è un incontro istituzionale o governativo ma solo politico”

prev
Articolo Successivo

Di Maio: “Chiesi passo indietro ad Alfano indagato? Si doveva dimettere in quanto Alfano, ogni motivo era buono”

next