“Se ci credi davvero, non è mai troppo tardi per rivoluzionare la tua vita”. Sarim Cobisi, 30enne di Padova, ha scelto di farlo durante l’università: “Ero al secondo anno di Economia della mia città, non frequentante perché all’epoca lavoravo come commesso in un negozio di telefonia, con il tanto agognato contratto a tempo indeterminato – racconta a ilfattoquotidiano.it -, ma a 23 anni la svolta: vinco la borsa di studio Erasmus”. Un primo passo verso il cambiamento: “Lascio il posto fisso e parto per il mio anno accademico a Reading, città a sud dell’Inghilterra – ricorda -, un’esperienza che mi ha segnato profondamente”.

Per tante ragioni: “Affacciarsi a un contesto internazionale permette di prender parte ad un pot-pourri di lingue, esperienze e prospettive – spiega – e di certo il mio inglese claudicante dell’epoca rendeva il tutto ancor più stimolante”. Una volta concluso l’Erasmus e ottenuta la certificazione IELTS, Sarim si laurea alla triennale e per la magistrale decide di lanciarsi in una nuova avventura all’estero. Questa volta, però, le distanze si allungano: “Ormai mi sentivo inserito in un contesto internazionale e la mia scelta è ricaduta dall’altra parte del mondo, all’Australian National University – sottolinea -, quasi a voler esorcizzare la realtà circoscritta degli anni precedenti”. Due anni intensi e formativi: “Ricordo la paura di non riuscire a passare gli esami e anche la voglia di dimostrare a me stesso che ce la potevo fare”.

Ricordo la paura di non riuscire a passare gli esami e anche la voglia di dimostrare a me stesso che ce la potevo fare

Dopo la laurea in Australia il suo cammino prosegue su una via inaspettata: “Ho scelto di trasferirmi in India per uno stage come digital analyst – ricorda –, a spingermi lì è stata sempre la sete di vivere esperienze diverse”. Qui Sarim ha modo di confrontarsi con una realtà totalmente nuova: “Mi sono innamorato dell’India, per le sue tradizioni e per i suoi valori umani così forti – ricorda -, ma lo stipendio di 500 euro al mese, sebbene fosse sufficiente a condurre una vita più che dignitosa ad Ahmedabad, non mi permetteva di mettere da parte nulla”. Per questo dopo un anno decide di riavvicinarsi all’Europa, scegliendo Londra come meta: “Grazie alla mia conoscenza delle lingue e alle mie esperienze precedenti ho avuto accesso a molte offerte – ammette -, così quattro anni fa è iniziata la mia vita londinese, che mi ha portato a essere un digital manager per una multinazionale del settore finanziario”.

Quello di Sarim è un viaggio lungo sette anni, ma non è detto che un giorno non faccia nuovamente tappa nel luogo in cui tutto è cominciato: “Non escludo di poter tornare – ammette -, inoltre sento nostalgia del nostro stile di vita e del nostro clima”. Sul futuro del nostro Paese, poi, ha una visione positiva: “La ripresa è più lenta rispetto ad altri paesi europei ma credo fortemente alla ciclicità delle recessioni economiche, motivo per cui continuo a investire fortemente in Italia – spiega – poi in questi anni di vita all’estero mi sono reso conto di come gli italiani in generale siano particolarmente tenaci e stacanovisti”.

L’Italia? Ho nostalgia del nostro stile di vita e del clima 

Anche il suo futuro professionale è tutto da scrivere: “Adoro il mio attuale lavoro, ma la passione per l’immobiliare è davvero grande, quindi chissà”, dice. A oggi, quando si guarda indietro, non può che sorridere: “Mi rendo conto che in sette anni la mia vita è totalmente cambiata – sottolinea -, e tutto questo è successo perché ho creduto che qualsiasi lungo viaggio inizi con un primo passo, spesso il più difficile, quello che ti sbatte fuori dalla comfort zone”. Dietro a questi risultati, però, ci sono anche molti sacrifici: “Mi sono sempre immerso totalmente nella vita del Paese in cui vivevo e questo ovviamente ha implicato un forte senso di lontananza dai miei affetti – conclude -, oggi però so che ne è valsa la pena”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Art director a Düsseldorf, “In Italia mi pagavano 500 euro. Qui dopo 5 anni ho avuto già tre promozioni”

next