Il capostipite del culto della personalità all’italiana è stato il Duce: trasformò il suo movimento in una fabbrica del consenso. Era il Mussolini della “gente comune”, il “giustiziere” per conto del “popolo”, con la sua retorica sborona e aggressiva tipo “Spezzeremo le reni alla Grecia”, “Vincere e vinceremo” e bufale varie. Per contagiare la gente usò le adunate oceaniche, i cinegiornali e la radio. Sappiamo com’è andata a finire.

Nell’Italia repubblicana invece il pioniere è stato Bettino Craxi: durante gli anni Ottanta rianimò i cocci del Psi (oscurato dal Pci), portandolo alla Presidenza del Consiglio; poi, però, lo accompagnò dal gigantismo del potere alla tomba. Di lui nel 2000, quando morì durante l’autoesilio tunisino, scrisse Indro Montanelli sul Corriere della Sera: “Aveva anche una spiccata – e funesta – propensione a considerare nemici tutti coloro che non si rassegnavano a fargli da servitori. Sono pochi, intendiamoci, i politici immuni da questo vizio. Ma alcuni di essi sanno almeno mascherarlo. Craxi era di quelli che l’ostentano sino ad esporsi all’accusa di culto della personalità: un culto (…) che, trasferito sul piano nazionale, avrebbe potuto procurargli seri guai. Non perché a noi italiani certi atteggiamenti dispiacciano, anzi. Ma perché, in fatto di guappi, siamo diventati, dopo Mussolini, molto più esigenti: quelli di cartone li annusiamo subito”.

Montanelli ricordò che, nel periodo di massimo splendore di Craxi, “i salotti se lo contendevano, le signore lo trovavano perfino avvenente, o almeno sexy”. Ma già prima di Tangentopoli cominciò a sgretolarsi: “L’uomo appariva spavaldo; più che efficiente, ingombrante; e più che autorevole, insolente”. Montanelli evitò di ricordare che – con uno stile da fare invidia agli attuali governanti – nel 1983 Craxi, presidente del Consiglio, nelle telefonate intercettate si lamentava con Berlusconi. Craxi gli diceva: “Questo Montanelli è una merdolina, mi fa la guerra, c’è solo l’Unità che è peggio”. Guarda caso, qualche anno dopo arrivò proprio Berlusconi: sapeva usare ancora meglio la tv (tanto da aver già creato un immaginario di massa a lui favorevole con le sue reti) e negli ultimi decenni, dal 1994 fino a pochi anni fa, è stato una star della vendita al dettaglio di slogan.

Sul fronte opposto il direttore d’orchestra che ha messo benzina sul fuoco della politica dopata dall’egocentrismo è stato Massimo D’Alema (ex Pci, ex Pds, ex Pd), così preso nella parte del più sagace e intelligente del reame da essersi convinto fin troppo di esserlo. I risultati della sua linea e la corte di adulatori/collaboratori bifronti che ha coltivato mentre annichiliva la vecchia guardia, sono sotto gli occhi di tutti.

Il bello (anzi, il brutto) è che l’ibridazione tra berlusconismo e dalemismo a un certo punto ha creato la leadership nel Pd di Matteo Renzi: un postdemocristiano più che un postcomunista, che è riuscito per un po’ a vendersi come rottamatore, nonché cacciatore di gufi e di capri espiatori. Il risultato, in questa società in cui ormai si vota con lo spirito di chi clicca volubili like? Il “suo” Pd dal 40% è passato, nel giro di poco tempo, a meno della metà.

Beppe Grillo sul fronte dell’egocentrismo non è secondo a nessuno. Però è stato così dominante da non avere lasciato eredi in grado di connettere popolo e incazzature quanto lui. Così oggi il vero premier del governo pentaleghista è Matteo Salvini, che oscura rivali e alleati. Come? Proponendosi come “maschio Alfa” della politica online, a costo di fare naufragare un tot di migranti e di avere il gomito del tennista a forza di selfie (pure durante i funerali genovesi!) e di autointerviste ringhianti. Con il risultato noto: voti più che raddoppiati.

La politica basata sul mondo dei mass media e dell’immagine, già partorita dal berlusconismo e usata ora dal salvinismo soprattutto grazie al web, ha definitivamente sovrapposto corpo privato (compreso quello in mutande sulla spiaggia di turno) e corpo pubblico del leader: sono la stessa cosa. Oggi Salvini mischia con furbizia e perizia lo stile “virile” di Benito con quello “piacione” di Silvio, shakerati assieme. E fa scomparire nel limbo mediale del “non pervenuto” il grillino Gigio Di Maio, con cui lo accomunano però la consueta allergia all’autocritica e la solita caccia al capro espiatorio.

Il tempo ci farà presto sapere se anche i due corpi di Salvini, dopo quelli dei suoi più illustri predecessori, si mangeranno a vicenda. Di certo il (vice)premier, proprietario della Lega post-nordista e iperdestrista, dovrebbe prendere atto di un fenomeno ricorrente nelle stanze del potere: innamorarsi follemente di se stessi porta una sfiga bestiale. Soprattutto se il re è inconcludente e pure nudo; anzi, in boxer.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ponte Morandi, Pinotti: “Fischi al Pd ai funerali? Molto doloroso. Giusto revocare le concessioni ad Autostrade”

next