Povera nostra Genova, è diventata la città del dolore. Le alluvioni, poi il crollo della torre piloti del porto e adesso il ponte. Speriamo di riuscire a risollevarci, di non perderci. Questo ci chiediamo oggi che siamo pieni di dolore, di rabbia e confusione.

Ogni città ha il suo modo di soffrire. Il nostro è schivo, quasi ruvido, senza retorica. Silenzioso. Ma in questi giorni non ci hanno lasciato soffrire. Non passa ora che qualche politico non arrivi, non si faccia vedere vicino alle rovine del ponte per propinarci promesse roboanti, per provocare polemiche, per accendere la rabbia.

Dovevate esserci ai funerali delle vittime. Nel salone della fiera c’era una Genova smarrita, che pregava e applaudiva. Che piangeva e urlava. Una Genova irriconoscibile. In quel momento abbiamo visto arrivare Matteo Salvini e Luigi Di Maio, scesi insieme dalla scala delle autorità. Accolti da un applauso, salutavano la gente. No, non sembrava un funerale.

Ma soprattutto dopo la messa era proprio impossibile non farci caso. Non provare disagio: Di Maio e Salvini che hanno aspettato di essere gli ultimi a lasciare la scena. Loro, i protagonisti, più dell’innocuo Giuseppe Conte. Più del discreto e misurato, lui sì, Roberto Fico. Perfino più del presidente Sergio Mattarella.

Ecco Di Maio che si allontana stringendo mani, che alla fine si ferma e lancia addirittura proclami: “Ve lo prometto, quella gente non metterà più le mani sulle nostre autostrade”. Per carità, lungi da noi l’idea di difendere i Benetton e Autostrade: se emergeranno responsabilità nella tragedia siamo i primi che chiedono la revoca della concessione.

Ma si è reso conto, ministro Di Maio… a 20 metri da lei c’erano delle bare, delle madri e dei padri che piangevano! Poi tocca a Salvini, ed è perfino peggio. Si dirige verso la folla che lo aspetta, stringe mani, arrivano fotografie, abbracci, battute, RISATE. Una passerella interminabile di dieci minuti. ADDIRITTURA ECCO SALVINI CHE SI METTE IN POSA PER I SELFIE?

No, cari Salvini e Di Maio, non si fa così ai funerali. Genova non è fatta così. Vuole soffrire con dignità e non si deve approfittare del suo smarrimento, del suo bisogno disperato di promesse e futuro. Se vorrete aiutarla dimostratelo con i fatti. Adesso non abbiamo bisogno di polemiche, di quella rabbia che ha portato a contestare a un funerale il segretario del partito vostro avversario (ed è stato un miracolo che Mattarella ne sia uscito indenne). La vostra campagna elettorale permanente tenetela per voi. Lasciateci soffrire in pace.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siamo tutti politici, contestare il presente per salvare la democrazia

prev
Articolo Successivo

Treviso, striscione di Forza Nuova contro Benetton: “Just one color: rosso sangue”. Iniziativa analoga ad Alessandria

next