C’è l’accordo su chi accoglierà i 141 migranti salvati dalla nave Aquarius. Malta ha acconsentito all’attracco dell’imbarcazione, mentre Francia, Spagna, Germania, Portogallo e Lussemburgo ospiteranno una parte dei migranti. “Lodo questi Paesi per la loro solidarietà e per la condivisione della responsabilità”, ha commentato il commissario Ue Dimitris Avramopoulos all’agenzia Ansa. “Nei giorni scorsi ci sono stati intensi contatti, facilitati e coordinati dalla Commissione europea, così come ci siamo impegnati a fare, fino a quando non saranno messe in atto iniziative più stabili. Non possiamo contare su accordi ad hoc, abbiamo bisogno di soluzioni sostenibili. Non è responsabilità di uno o solo pochi Paesi, ma dell’Unione europea nel suo insieme”.

 

A quanto scrive El Mundo, Madrid accoglierà 60 migranti e il Portogallo 30. “La Spagna ha coordinato un accordo pionieristico con 6 Paesi, per distribuire l’accoglienza delle persone sulla Aquarius – ha scritto su Twitter il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez – È stato possibile grazie alla via che abbiamo intrapreso a giugno, promuovendo una via comune e solidale sui flussi migratori. La Spagna accoglierà 60 persone”.

Intanto Amnesty International in una nota ha criticato l’atteggiamento tenuto nelle scorse ore da Italia e Malta: “E’ pura crudeltà” il “vergognoso rifiuto” di acconsentire allo sbarco dei migranti dell’Aquarius. “Queste persone hanno sfidato con coraggio viaggi pericolosi e condizioni inumane in Libia solo per finire bloccati in mare per governi che vergognosamente hanno abdicato alla propria responsabilità di proteggerli”, ha detto Maria Serrano, del settore migranti della Ong. “I governi europei “devono smetterla di giocare con le vite umane”.

Malta dopo il rifiuto dei giorni scorsi di far attraccare l’Aquarius, ha dichiarato che “farà una concessione”, permettendole di entrare nei suoi porti, “malgrado non abbia l’obbligo legale di farlo”. “In seguito a discussioni fra Francia e Malta, alcuni paesi membri dell’Ue, con il supporto della Commissione Europea, hanno convenuto su una responsabilità condivisa rispetto ai migranti salvati a bordo della nave Aquarius”, spiega il comunicato maltese. Il governo di la Valletta ricorda che altri 114 migranti sono stati salvati e portati ieri a Malta. Di questi, 60 verranno distribuiti in altri paesi membri dell’Ue. Il primo ministro Joseph Muscat ha intanto ringraziato su Twitter il presidente francese Emmanuel Macron “per la comune iniziativa per risolvere la questione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, agli economisti tedeschi l’Europa non piace più

next
Articolo Successivo

Contro spread e speculazione, il governo deve emettere titoli fiscali accettati dalla Bce

next