“Il commosso saluto della Repubblica si unisce a quello di tutti gli italiani e di tutti gli europei che considerano irrinunciabile quel patrimonio di libertà, di diritti, di solidarietà che, dopo la Liberazione, i nostri popoli sono riusciti a costruire e che siamo sempre chiamati a difendere da ogni minaccia”. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricorda l’eccidio di Sant’Anna di Stazzema in una nota diffusa dal Quirinale. Era il il 12 agosto del 1944 e i nazifascisti uccisero 560 persone di cui 130 bambini.

Sant’Anna di Stazzema “è nel cuore degli Italiani” aggiunge il Capo dello Stato, un pezzo di storia che testimonia la barbarie avvenuta durante la seconda guerra mondiale e che si accanì su bambini, donne e anziani inermi. La strage di Sant’Anna di Stazzema è anche un simbolo di forza per “la fermezza e la dignità mostrate dalla popolazione di Sant’Anna nel ricostruire la comunità dopo l’immane tragedia e nel trasmettere ai giovani il ricordo e i valori fondamentali della vita hanno consentito di accumulare tesori preziosi per il Paese intero, il suo tessuto democratico, la sua cultura di pace”.

Sergio Mattarella si dice vicino ai familiari delle vittime, ai discendenti, a tutti coloro che oggi partecipano alle celebrazioni di Sant’Anna di Stazzema affinché la memoria di quanto è accaduto possa essere un monito per il futuro. “Sta ora al nostro impegno e alle nostre responsabilità, personali e collettive, rafforzare nei tempi nuovi la cultura della vita, la pace tra uomini e popoli liberi, la solidarietà necessaria per dar vita a uno sviluppo davvero condiviso e sostenibile”, conclude il Presidente della Repubblica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Razzismo, Salvini: “La capotreno contro i rom? Per qualcuno va licenziata, secondo me deve essere premiata”

prev
Articolo Successivo

Salvini vuole il ritorno della leva obbligatoria: “I giovani imparino l’educazione che mamma e papà non insegnano”

next