Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio al termine del tavolo convocato a Roma tra sindacati e Arcelor Mittal, in una breve conferenza stampa illustra i risultati del tavolo: “L’azienda batta un colpo e cominci a dire se si sposta dai numeri concordati con l’ex ministro Calenda e forse allora possiamo cominciare a ridiscutere”. “Il tavolo di oggi sull’Ilva – aggiunge Di Maio – è stato fatto per provare a far ripartire il dialogo, ma senza una offerta migliorativa del piano occupazionale non ci sarà una nuova convocazione, perché non ha senso rivederci se si prevedono 10mila assunti su oltre 13500 e tutti gli altri che devono restare a carico dello Stato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foggia, braccianti morti in incidente: proclamato lo sciopero per mercoledì. Indagine per caporalato

next
Articolo Successivo

Lavoro, la strage dei braccianti stipati nei furgoni: “È l’inferno del caporalato, è alla luce del sole ma nessuno lo combatte”

next