Matteo Renzi ha fatto gli onori di casa al Senato: in Aula per l’esame del decreto Dignità e del Milleproroghesi è profuso in saluti e scambi di battute con i senatori di tutti gli schieramenti. Nel penultimo giorno di lavori del Parlamento prima della lunga pausa estiva, Matteo ha socializzato con i colleghi e, tra una votazione e l’altra, ha fatto il giro tra i banchi intrattenendosi con i compagni di partito, ma anche con gli esponenti della maggioranza Lega-Cinquestelle.

Dalle foto, lo si vede accanto al senatore M5s Nicola Morra, che si copre la bocca con la mano mentre gli riferisce qualcosa, e a Laura Bottici, anche lei in quota Cinquestelle, questore d’Aula. L’ex presidente gira come una trottola nell’Aula, passa gesticolando accanto all’ex ministro Gaetano Quagliariello, se la ride con il capogruppo Pd Andrea Marcucci e poi torna a sedersi di fianco al tesoriere dem Francesco Bonifazi. Saluta le fila di Forza Italia, poi è la volta della Lega: Renzi si avvicina prima a Massimiliano Romeo, che addirittura si sporge dal suo banco per ascoltare l’ex premier, e poi scambia due parole anche con Roberto Calderoli che resta invece comodamente seduto.

Il decreto Dignità è approdato in Aula nel pomeriggio dopo l’ok al Milleproroghe con 148 sì, 110 no e 3 astenuti, senza mandato al relatore perché le commissioni Finanze e Lavoro hanno lavorato a rilento e non hanno avuto il tempo di esaminare tutti gli emendamenti. La seduta notturna non è stata sufficiente per contrastare l’ostruzionismo delle opposizioni. L’approvazione del decreto Dignità, che va convertito entro l’11 settembre, è attesa domani, quando è in agenda l’ultima seduta prima della pausa estiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Senato, Pd-FI vs Taverna per il presunto “vaffa”: “Non deve condurre Aula”. Lei si difende, Casellati: “Nessuno sconto”

prev
Articolo Successivo

Seggiolini auto, la Camera approva l’obbligo di dispositivi anti-abbandono dal 2019: ecco come cambia la normativa

next