“Ho saputo che vai al mare al n… prego di non incontrarti e in cuor mio spero che affoghi!”, è quanto ha augurato da una mammaNo vax” su Facebook, al virologo riminese Roberto Burioni, da sempre a favore delle terapie vaccinali. Un post che ha scatenato molti commenti, alcuni anche pesanti di invito ad “andarlo a salutare”. Tanto che, dopo la segnalazione di alcuni colleghi milanesi del medico, è stata allertata la Digos. Il professore dell’università Salute-Vita ha liquidato l’episodio con una parola: “Squadrismo“. La donna aveva giù avuto uno scambio di battute con il medico del San Raffaele di Milano nel 2016, quando erano entrambi ospiti della trasmissione Virus. Il post rabbioso, rivolto al celebre virologo che più volte ha difeso i vaccini e la necessità di renderli obbligatori, potrebbe anche costare una denuncia alla donna.

Nel post pubblicato sul social, la donna di Rimini scrive, riferendosi al medico concittadino: “Ho saputo che vai al mare al n… prego di non incontrarti e in cuor mio spero che affoghi! Per ogni lacrima versata, per ogni notte insonne, per ogni discriminazione, per ogni ora tolta ai nostri figli dietro questa guerra… il mio più sonoro vaff!”. L’affondo sul suo profilo Facebook ha dato vita a numerosi commenti, in alcuni dei quali si parla anche di “andare a salutare” in spiaggia il virologo. Tanto che sull’affondo contro il medico vigila la Digos di Rimini su segnalazione dei colleghi milanesi che si occupano direttamente delle minacce ricevute da Burioni. Il professore del San raffaele, infatti, è considerato una sorta di nemico simbolico da chi è contrario alle vaccinazioni.  Lo sfogo social potrebbe costare all’autrice una denuncia. “Squadrismo”,è la lapidaria risposta via Twitter del professore di Microbiologia e Virologia, con cui ha commentato la vicenda.

Nelle scorse ore, su Twitter, il medico riminese aveva espresso il suo parere contrario alla decisione del Senato di far passare l’emendamento Lega-M5s che rinvia al 2019 l’obbligo di vaccinarsi per l’iscrizione a scuola.  Secondo il professore una “una pagina infame nella storia della Repubblica”che mette “a rischio la salute dei bambini più deboli e indifesi per ingraziarsi la parte più ignorante e oscurantista del Paese”. Oggi, 5 agosto, Burioni torna ad esprimersi contro l’emendamento approvato nel Milleproroghe e sempre su Twitter si rivolge al ministro della Salute:”‘Un obbligo flessibile nel tempo e nello spazio’, ma lei, ministro, è un medico o una poetessa?”. Il riferimento è alle parole del ministro Giulia Grillo che in un post sul suo profilo ufficiale spiegava che è “allo studio dei parlamentari un disegno di legge che prevede un obbligo flessibile nel tempo e nello spazio. Ossia uno strumento razionale e di buon senso che contempera il diritto alla salute collettiva e individuale“. Roberto Burioni chiede al ministro di smetterla “di dire circonvolute nullità e faccia ritirare questo vergognoso emendamento o passerà alla storia, e al primo morto di morbillo sarà giustamente sbranata dall’opinione pubblica“.