Tregua d’agosto, anche quest’anno, per il fisco: l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia delle Entrate-Riscossione, in accordo con il Ministero dell’Economia, sospenderanno la notifica di più di un milione tra cartelle, avvisi di liquidazione, richieste di documentazione e lettere di compliance per il mese estivo. La notifica di tutti i documenti “congelati” riprenderà al termine delle settimane di stop. Il lavoro ordinario delle due agenzie proseguirà comunque senza interruzioni: nessuna tregua, quindi, per tutti gli atti considerati inderogabili.

In particolare, ad essere congelate sono circa 120mila lettere di compliance e di 430mila comunicazioni – di irregolarità nelle dichiarazioni dei redditi e Iva – dell’Agenzia delle Entrate. Rientrano tra i documenti sospesi anche le richieste, riferite sia a intermediari che a contribuenti, di esibizione di documenti relativi al controllo formale delle dichiarazioni dei redditi sui dati relativi a deduzioni, detrazioni e ritenute indicati in dichiarazione – che saranno prodotte entro il prossimo primo ottobre. Per quanto riguarda la Riscossione, invece, vengono fermate poco meno di 450mila cartelle.

“Nell’ottica di una sempre maggiore attenzione verso i cittadini, l’amministrazione finanziaria ha deciso di sospendere ad agosto l’invio di oltre un milione di atti” fa sapere il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, che sostiene l’iniziativa. La sospensione, dichiara il ministro “È un segno di riguardo nei confronti dei contribuenti, con l’obiettivo di ridurre al minimo eventuali disagi in un periodo particolare dell’anno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foodora vende attività in Italia, Francia, Olanda e Australia

prev
Articolo Successivo

Conti dormienti, Tesoro: “Da novembre non più esigibili. Controllare sul sito per fare domanda di rimborso”

next