Con questo numero, Critica liberale rilancia il suo supplemento Gli Stati Uniti d’Europa, gloriosa testata federalista esistita a cavallo dell’800 e del ‘900, fino alla catastrofe bellica del ’39.

Il momento è drammatico e difendere la prospettiva dell’integrazione pare tempo perso. Ma i liberali restano convinti che non vi siano alternative alla creazione di un vero soggetto democratico continentale, pena la definitiva scomparsa economica, politica, culturale, civile del soggetto geografico che ha creato la modernità, ove esso si ostini a dividersi tra Staterelli minuscoli (sul piano planetario) e sempre più litigiosi.

Per questo il numero si apre con un appello che taglia netto con la tradizione del cauto ma generico europeismo e va a fondo nell’attacco dell’Unione che c’è, per rilanciare la prospettiva politica della Federazione democratica che serve. Singoli e soggetti collettivi sono invitati ad aderire all’appello, perché l’evidente impossibilità di difendere il grigio e dannoso funzionalismo a guida germanica e rimorchio mediterraneo non può trasformarsi nella supina accettazione di una perversa logica intergovernativa sempre più conflittuale e perdente.

Nelle parti tematiche si potranno leggere articoli su alcune importanti politiche europee, come quella di coesione (commentata da Tufarelli, capo di Gabinetto di Moavero Milanesi sotto il governo Monti, e Vetritto, Capo Segreteria tecnica di Barca nella stessa compagine) e quella per la marginalità (con il saggio di Moscarelli del Politecnico di Milano).

Carolina Vigo e Graham Watson (past president del Gruppo parlamentare e del Partito liberali europei) ci portano voci sul momento politico di Francia e Gran Bretagna in chiave europea.

Chiudono il numero due saggi più articolati di Sarah Lenders-Valenti, sull’eredità storica di Srebrenica, e di Claudia Lopedote, su laicità, libertà e correttezza politica.

Da settembre Gli Stati Uniti d’Europa continuerà la battaglia per la Federazione democratica, anche con contrappunti singoli sul sito www.critliberale.it.

Clicca qui per scaricare gratis la rivista

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, la Vigilanza boccia la nomina di Foa a presidente. M5s: “Resiste il Patto del Nazareno”. Pd: “Volevano tv asservita”

prev
Articolo Successivo

Marcello Foa, per capire perché Salvini lo vuole alla Rai basta leggere il suo libro

next