Era impegnato nell’operazione Strade Sicure a Palazzo Grazioli il caporale Enrico De Mattia che sabato 28 luglio si è tolto la vita. La notizia, resa nota dal sito GrNet.it, è stata confermata dagli ambienti militari. Il giovane 25enne durante il turno pomeridiano sarebbe entrato in un bagno del palazzo, residenza romana di Silvio Berlusconi, portando con sé la pistola d’ordinanza e si sarebbe sparato in testa. Non si conoscono per il momento le motivazioni che hanno indotto il venticinquenne originario di Angri (Salerno) e proveniente dal I Reggimento Granatieri di Sardegna a togliersi la vita.

Quello di De Mattia è il terzo suicidio di un militare nell’ambito Strade Sicure: nel dicembre 2017 un altro granatiere si era impiccato durante un periodo di licenza a Spoleto, poi lo scorso febbraio nel centro di Roma un bersagliere 29enne si era tolto la vita nella stazione metro Barberini.

“Ho contattato i vertici della Difesa per comprendere la veridicità della notizia: è ufficiale purtroppo, un militare in servizio in operazione “strade sicure” si è tolto la vita. Riserbo e vicinanza alla famiglia della vittima in questo momento”, Gianluca Rizzo, presidente della Commissione Difesa della Camera commenta così la notizia della morte del giovane caporale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, avvelenato il cane-eroe. L’istruttore: “Kaos, non provare odio per chi ti ha ucciso”. Il video

next
Articolo Successivo

“Pronti per il fuoco, tre, due, uno, guastatori!”. Il Genio e gli artificieri fanno brillare una bomba d’aereo di oltre 200 kg

next