Si sono concluse senza problemi le operazioni di disinnesco e rimozione di una bomba d’aereo americana di oltre 200 kg, trovata in un cantiere edile a Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini. Dopo il despolettamento, l’ordigno è stato caricato su un mezzo e portato in una cava per il brillamento. Le operazioni, coordinate dalla prefettura di Rimini, hanno coinvolto 15 persone tra artificieri e personale in supporto dell’Esercito dell’8/o reggimento Genio guastatori. Ieri è stato fatto esplodere anche un ordigno a Terni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, militare 25enne dell’operazione Strade Sicure suicida a Palazzo Grazioli

prev
Articolo Successivo

Roma, tra i pendolari della Metro C: “Treni ogni 12 minuti, no aria condizionata e interruzioni”. Il Comune: “Nella norma”

next