“Noi stiamo cercando di mettere insieme persone tecniche manageriale e e che abbiamo anche grandi conoscenze dei piani editoriali della Rai per fare un buon lavoro”. Luigi Di Maio così parla a margine di un convegno sulle rinnovabili a Roma, delle nomine per la televisione pubblica che il governo effettuare nella giornata di venerdì. Di Maio smentisce contrasti con Salvini: “Di TG1 non abbiamo mai parlato io e lui, oggi siamo impegnati con il Ministro Tria ed il Presidente Conte nell’individuazione dell’amministratore delegato”.

Polemiche sono sorte dopo la richiesta del leader della Lega di voler effettuare dei ‘casting‘ dei candidati per la guida della Tv di Stato, ma Di Maio difende questo metodo: “Facciamo gli incontri per conoscerli e capirne le competenze. Questo metodo dimostra che non stiamo mettendo i nostri e che non stiamo mettendo gente vicina alla politica, ma stiamo mettendo gente che sia in grado di portare avanti questa grande industria culturale. Quelli di prima – attacca Di Maio – i casting non li hanno mai fatti i casting perché li conoscevano da trent’anni ed erano i loro compari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, Vincenzo Morgante lascia la direzione del Tgr: guiderà la tv dei vescovi. Un altro addio dopo quello di Gerardo Greco

prev
Articolo Successivo

Trentino, gruppo Athesia compra L’Adige: ora possiede i 4 quotidiani della Regione. “Pluralismo dell’informazione a rischio”

next