La squadra Mobile della polizia di Reggio Emilia, nelle scorse ore, ha fermato un uomo, straniero, per la violenza sessuale nei confronti di una 24enne reggiana in via Petit Bon. Sono in corso accertamenti sulla posizione dell’uomo da parte degli agenti e del procuratore Giulia Stignani. La notizia del fermo è stata anticipata dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, con un post su Facebook. “Per la sinistra – aggiunge Salvini su Fb – la nostra linea sarebbe ‘troppo dura’. Sbagliato, inaspriremo leggi troppo deboli: VIA dall’Italia i clandestini delinquenti, VIA ogni forma di protezione a chi si macchia di questi reati schifosi!”. L’uomo, cittadino ucraino richiedente asilo di 26 anni, è stato individuato in un rifugio di fortuna, in una zona campestre e isolata, al termine di 36 ore ininterrotte di attività investigativa.

Secondo la ricostrzuione la vittima è stata aggredita alle spalle, mentre stava facendo una passeggiata vicino a casa, ed è stata trascinata in un cespuglio. L’uomo, secondo la denuncia, ha abusato della giovane che è stata picchiata selvaggiamente perché  cercava di opporre resistenza e gridava. Poi è scappato, facendo perdere le sue tracce nel buio. La 24enne, ferita e sotto choc, ha trovato le forze per rialzarsi, chiedere aiuto e raccontare ai poliziotti quanto le è accaduto domenica sera intorno alle 20,30. La strada in cui è avvenuta la violenza sessuale è quella adiacente al campo da baseball della città, ai limiti di un parco. Una zona residenziale e tranquilla, frequentata la sera soltanto da persone che fanno una passeggiata. E così aveva fatto anche lei, domenica sera, come sua abitudine.  L’aggressore però è arrivato silenziosamente alle sue spalle.

Interviene con durezza il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, del Pd, che dopo essersi complimentato con le forze dell’ordine per l’efficienza, ha chiesto l’espulsione del “soggetto in questione, con effetto immediato”, “qualora sussistessero i presupposti di legge”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, la Corte Europea per i diritti dell’uomo sospende sgombero del campo rom Camping River fino al 27 luglio

next
Articolo Successivo

Milano, candidato della Lega estrae pistola contro immigrato accusato di aver molestato la compagna e la figlia

next