La Corte Europea per i diritti dell’uomo sospende fino al 27 luglio lo sgombero di Camping River, uno dei campi rom di Roma,ordinato dalla giuntadi Virginia Raggi e previsto per la giornata di oggi (martedì 24). Il caso del Camping River era stato denunciato dall’associazione 21 Luglio sostenendo che la condizione del campo rappresentasse una “violazione dei diritti umani”. Una sentenza commentata immediatamente dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Ci mancava il buonismo della Corte europea per i diritti dei Rom”, scrive su Twitter.

La stessa associazione ha più volte sollecitato il Campidoglio affinché fosse trovata una soluzione abitativa alternativa. E ora proprio il Comune fa sapere di avere in piano nuovi progetti alloggiativi e lavorativi per tutti gli ex abitanti del campo, attualmente circa 300, e che da “oltre un anno” sta fornendo tutta la documentazione in cui si certificano le numerose e reiterate proposte di inclusione abitativa offerte, ripetutamente, agli abitanti del Camping River.

La 21 luglio ha supportato il ricorso di tre abitanti del campo, sulla base del quale si è pronunciata la Corte europea per i diritti dell’uomo sostenendo che i tre hanno vissuto “segregati su base etnica” e i loro “diritti umani sono stati ripetutamente violati”. L’associazione aveva inoltre denunciato nelle scorse settimane  la “visita riservata” degli operatori del Comune di Roma avvenuto il 21 e il 22 giugno.

Lo sgombero, sottolinea ora, “era previsto per oggi, ovvero 48 ore dopo la notifica agli abitanti dell’ordinanza firmata dalla sindaca Raggi”. Ma, come ricorda il presidente Carlo Stasolla, “era già iniziata, dal 21 giugno, la distruzione di 50 moduli abitativi di proprietà del Comune. Una soluzione lesiva dei diritti degli abitanti, che però non si sono allontanati dal campo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, “Mani rosse” davanti al Viminale: “Con Salvini strage di Stato”. C’è anche Vauro: “Fermiamo la barbarie”

prev
Articolo Successivo

Stupro Reggio Emilia, “fermato cittadino ucraino richiedente asilo”

next