Il nome del nuovo amministratore delegato di Audi, posizione vacante dopo che l’ex ad Rupert Stadler è stato arrestato a metà giugno in conseguenza delle indagini sullo scandalo dieselgate è stato anticipato dall’edizione online di Handelsblatt. Citando fonti vicine al gruppo Volkswagen, la testata tedesca ha svelato che il successore di Stadler sarà Markus Duesmann, attualmente top manager di BMW.

La notizia sarebbe suffragata dal fatto che, nella serata di ieri, l’amministratore delegato della casa di Monaco Harald Krueger aveva anticipato ai suoi collaboratori l’intenzione di Duesmann di rassegnare le dimissioni, lasciando l’azienda per “motivi personali”.

Tutto fatto allora? Sembrerebbe di no, ancora. Soprattutto perché Duesmann ha nel suo contratto una clausola anti-concorrenza, che gli impedirebbe di occupare la nuova e prestigiosa posizione prima di sei mesi.

Ricordiamo che attualmente il ruolo di Stadler è ricoperto ad interim da l’ex manager Mercedes Bram Schot (già ad della filiale italiana della Stella). E che Duesmann è responsabile del settore acquisti e fornitori di Bmw dal 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salone di Detroit, niente più freddo e gelo. Dal 2020 si farà a giugno

prev
Articolo Successivo

Psa, semestre da record e Opel in attivo. Fusione con Fca nel post Marchionne? Tavares: “Sono loro che non ci vogliono”

next